Archivi tag: Fernando De Filippi

Fiorenzo Grassi, Fernando De Filippi, Mauro Pecchenino e Claudio Pozzani al finissage di Soldi D’artista con perfomance di Peter Hide – ARTE E CULTURA RESPONSABILE E POSSIBILE


VENERDI’ 10 FEBBRAIO ORE 21
Via Jommelli, 24 Milano

Serata dibattito e Perfomance di Peter Hide – 311065

INTERVENGONO
•    PER LO SPETTACOLO Fiorenzo Grassi, presidente dell’Agis Lombardia, direttore responsabile del Teatro Elfo Puccini e direttore dell’organizzazione generale e gestione teatri, nonchè presidente di MilanOltre e Adda danza.
•    PER LE ARTI FIGURATIVE Fernando de Filippi, pittore  ed ex direttore dell’Accademia di Belle Arti di Brera (da confermare)
•    PER LA POESIA E LA MUSICA Claudio Pozzani, poeta, musicista e  Organizzatore di eventi internazionali con l’associazione culturale Circolo dei Viaggiatori nel Tempo, fondata nel 1983
•    PER L’ARTE Mauro Pecchenino studioso, docente universitario e professionista di Comunicazione d’impresa e Marketing e fondatore di Flip Magazine

Moderatrice: Melina Scalise

La performance dell’artista Peter Hide 311065 trasformerà la serata in un’esperienza unica:   tutti i partecipanti  potranno camminare “in un mare di soldi”.

Soldi D’artista è più di una mostra, è un progetto vero e proprio per compiere un’azione di promozione del valore della cultura e del lavoro dell’uomo finalizzata. Si ambisce a farli diventare, come le “mele per la ricerca” ovvero strumento per raccogliere fondi a suo sostegno,  ma anche per proporre un nuovo concetto di valore e d’uso del denaro.
Pertanto, la chiusura dell’esposizione e del lancio dell’iniziativa non poteva che concludersi con una serata che potesse offrire spunti e stimolare riflessioni per proporre una partecipazione più consapevole e propositiva ai problemi che oggi vivono gli operatori del settore artistico e culturale italiano.
Spazio Tadini ha invitato esponenti di vari settori che per esperienza e professionalità possano dare informazioni, suggerimenti e presentare prospettive sulle possibilità di sviluppo e sostegno economico alla cultura.
L’obiettivo non è certo lamentarsi di cosa non funziona, ma, nello spirito di Soldi D’artista, trovare soluzioni creative alla crisi attraverso una visione non pessimistica, ma propositiva. Il confronto e il dibattito si crede che possa far nascere una maggiore cooperazione, un bisogno di dialogo e voglia di confronto, anche critico, tra coloro che oggi faticano a vivere di arte.
Fiorenzo Grassi, Fernando De Filippi, Claudio Pozzani e Mauro Pecchinino, toccheranno queste tematiche partendo dalle loro esperienze sul campo e dal loro settore di competenza. Si vuole offrire al pubblico partecipante una panoramica di come si muove la macchina artistica culturale nel nostro Paese e affronta la crescente carenza di fondi e la forte competizione consequenziale: un esito inevitabile che provoca divisioni e riduce le forze propositive da impiegare per ottenere risposte istituzionali. Si desidera altresì raccogliere qualche testimonianza su cosa succede all’estero, nel contesto europeo, in particolare, con cui condividiamo la “famigerata crisi dell’euro”.
L’associazione culturale Spazio Tadini cerca di proporre non solo idee creative e originali, come Soldi D’artista, riscuotendo grande attenzione da parte della stampa, ma vuole anche offrire i suoi spazi per aprire confronti, anche vivaci, tra le persone e tra la gente nella convinzione che i cambiamenti debbano coinvolgere tutti gli attori a partire dai singoli cittadini.
Con lo stesso spirito, infatti, organizza il 16 febbraio la mostra- rassegna Ritorno al Mediterraneo – dalla cultura greco-romana alla cultura dell’euro; quale ricchezza per l’umanità? Portando in Italia 5 artisti greci in collaborazione con il governo Greco, la comunità ellenica, il Centro di cultura Ellenico e il Club Unesco Il Caravaggio.
I Soldi D’artista rimarranno in permanenza a Spazio Tadini per raccogliere contributi per l’arte e la cultura (il ricavato viene ripartito tra gli aderenti) e per essere “prelevati” da altre realtà culturali che vorranno diffonderli e tutti teatri, le compagnie e le realtà culturali possono consultare il blog: https://spaziotadini.wordpress.com.

Martina Messori | Soldi d’artista


Con quest’illustrazione ho voluto letteralmente porre l’attenzione sull’uomo:  il vero protagonista della “crisi”.  Le due figure umane dominano la scena reggendo una personale rappresentazione del mondo, come a volerlo elevare e sostenere verso una nuova rinascita.
La tecnica utilizzata,  il collage,  è stata scelta per rendere quest’opera semplice e dal tocco naif,  come a volerci ricordare, per lo stile, la semplicità del tratto e i colori primari le antiche pitture rupestri,  le primordiali forme d’arte culla della nostra civiltà e tradizione artistica.

Martina Messori Soldi d'artista
Martina Messori Soldi d'artista

Martina Messori è nata a Torino.
Dopo essersi diplomata al Liceo scientifico A.Avogadro di Biella si trasferisce a Milano dove frequenta il corso di Illustrazione e Animazione presso l’Istituto Europeo di Design.
Diplomatasi nel Luglio 2011 attualmente lavora presso Studio Roque Milano e collabora con l’editrice Tiziana Zordan.
Ha collaborato con Coca Cola per la creazione dell’edizione “rapporto socio ambientale 2010” e ha partecipato negli anni 2010 e 2011 alla Mostra piccolo formato presso lo studio dell’artista Pilar Dominguez.

 

Alice Coppini | Soldi d’artista


L’opera presentata è una rielaborazione della classica banconota, che è partita da una semplice riflessione: nella maggior parte della cartamoneta circolante sono stampate le effigi di persone importanti per il loro passato… e quando ci occuperemo anche del presente? E del futuro? Da qui l’idea di una banconota con i volti di bambini che nel tempo presente non hanno una vita facile e che vivono (e potrebbero vivere in futuro) situazioni di miseria. Non sono bambini a cui si può affiggere chiaramente un nome e un cognome, una precisa etichetta: essi rappresentano tutti i bambini che non siamo in grado di ricordare, ma che hanno diritto (anche loro) alla speranza di qualcosa di meglio. Ecco perché la banconota vale 100 elikya, una parola che in lingala (una lingua africana) significa “speranza”.

Alice Coppini Soldi d'artista
Alice Coppini Soldi d'artista

Ha frequentato il Liceo Artistico Statale Felice Casorati a Novara e ha proseguito gli studi iscrivendosi all’Istituto Europeo di Design a Milano che frequenta tutt’ora.
Ha anche la passione del canto, ha partecipato con il coro dei Rossini di Novara al programma televisivo “Bravo bravissimo” come ospiti e al secondo atto dell’opera lirica Bohème e ora frequenta un corso di canto moderno alla scuola di musica Dedalo di Novara.
Durante gli anni del liceo ha partecipato a diverse esposizioni tenute    all’Archivio di Stato di Novara, alla Canonica dove le è stato conferito un premio di riconoscimento e alla progettazione di un monumento al donatore per l’associazione Avis.