Archivi tag: Lucio Boscardin

SOLDI D’ARTISTA di Spazio Tadini in TRIENNALE con Sguardi Altrove – per la mostra “L’Arte al tempo della crisi”


Una selezione di Soldi D’artista sarà esposta in Triennale grazie alla collaborazione con l’associazione Sguardi Altrove.

Pilar Dominguez, Alberto Fiocco, Lamu, Stefano Pietramala, Martina Messori, Sergio Sansevrino, Gabriele Poli, Fernando De Filippi,  Rosanna Forino, Daniela Tomerini, Giancarlo Nucci, Domenico Masotti, Isa Locatelli, Gianfranco Testagrossa, Mario De Leo, Francesca Magro, Luisa Valenti, Flavia Mensen, Pio Tarantini, Roberto Toja, Riccardo Piperno, Luca Cattaneo, Simone Calvi, Rank, Francesco Carta, Ernesto Terlizzi, Lucio Perna, Peter Hide, Rodolfo Guzzoni,  Elia Secci, Mariagrazia Galesi, Gaziella Gangi, Gabriela Costache, Michele Nigro, Cetti  Previtera, AVI, Francesco Iacono, Micky Degni, Yuri Olegovic, Roberto Caro, Paolo Basevi, Lucio Boscardin, Giuseppe Cassibba, Arturo Barbante, Fausta Dossi, William Stok, Maurizio Parietti, Lara Orrico, Maria Elena Mejani.

L’ARTE AL TEMPO DELLA CRISI. (scarica pdf con tutto il programma)

ITALIA GRECIA PORTOGALLO SPAGNA

A cura di Patrizia Rappazzo e Stefania Scattina

Possono l’arte e gli artisti  – singolarmente e ancor più collettivamente – contribuire a rilanciare l’economia? Ma anche la fiducia e la speranza? La mostra riflette in modo certo parziale eppure  esemplare le risposte che giungono dai paesi dell’area del Mediterraneo – Grecia, Portogallo, Spagna, Italia – maggiormente colpiti dalla crisi contemporanea. Crisi economica, ma anche culturale, etica, estetica.

Crisi come vincolo, ma anche come stimolo alla creatività e all’innovazione. Artisti testimoni di questo nostro difficile, a volte angosciante, tempo – Chronos –ma anche inventori di opportunità nuove – Kairos – che intercettano e rielaborano le istanze di cambiamento della gente comune verso una nuova polis.

LEGGI

Martina Messori | Soldi d’artista


Con quest’illustrazione ho voluto letteralmente porre l’attenzione sull’uomo:  il vero protagonista della “crisi”.  Le due figure umane dominano la scena reggendo una personale rappresentazione del mondo, come a volerlo elevare e sostenere verso una nuova rinascita.
La tecnica utilizzata,  il collage,  è stata scelta per rendere quest’opera semplice e dal tocco naif,  come a volerci ricordare, per lo stile, la semplicità del tratto e i colori primari le antiche pitture rupestri,  le primordiali forme d’arte culla della nostra civiltà e tradizione artistica.

Martina Messori Soldi d'artista
Martina Messori Soldi d'artista

Martina Messori è nata a Torino.
Dopo essersi diplomata al Liceo scientifico A.Avogadro di Biella si trasferisce a Milano dove frequenta il corso di Illustrazione e Animazione presso l’Istituto Europeo di Design.
Diplomatasi nel Luglio 2011 attualmente lavora presso Studio Roque Milano e collabora con l’editrice Tiziana Zordan.
Ha collaborato con Coca Cola per la creazione dell’edizione “rapporto socio ambientale 2010” e ha partecipato negli anni 2010 e 2011 alla Mostra piccolo formato presso lo studio dell’artista Pilar Dominguez.

 

Alice Coppini | Soldi d’artista


L’opera presentata è una rielaborazione della classica banconota, che è partita da una semplice riflessione: nella maggior parte della cartamoneta circolante sono stampate le effigi di persone importanti per il loro passato… e quando ci occuperemo anche del presente? E del futuro? Da qui l’idea di una banconota con i volti di bambini che nel tempo presente non hanno una vita facile e che vivono (e potrebbero vivere in futuro) situazioni di miseria. Non sono bambini a cui si può affiggere chiaramente un nome e un cognome, una precisa etichetta: essi rappresentano tutti i bambini che non siamo in grado di ricordare, ma che hanno diritto (anche loro) alla speranza di qualcosa di meglio. Ecco perché la banconota vale 100 elikya, una parola che in lingala (una lingua africana) significa “speranza”.

Alice Coppini Soldi d'artista
Alice Coppini Soldi d'artista

Ha frequentato il Liceo Artistico Statale Felice Casorati a Novara e ha proseguito gli studi iscrivendosi all’Istituto Europeo di Design a Milano che frequenta tutt’ora.
Ha anche la passione del canto, ha partecipato con il coro dei Rossini di Novara al programma televisivo “Bravo bravissimo” come ospiti e al secondo atto dell’opera lirica Bohème e ora frequenta un corso di canto moderno alla scuola di musica Dedalo di Novara.
Durante gli anni del liceo ha partecipato a diverse esposizioni tenute    all’Archivio di Stato di Novara, alla Canonica dove le è stato conferito un premio di riconoscimento e alla progettazione di un monumento al donatore per l’associazione Avis.

Cristiana Messina | Soldi d’artista


SOLDI AL PATIBOLO
Questa opera vuole denunciare la società di oggi, del nostro “male di vivere” , a mio parere la società ha mandato in crisi la nostra economia, i nostri soldi, appunto come se avessimo deciso noi di “mandarli” al patibolo.

Cristiana Messina Soldi al patibolo
Cristiana Messina Soldi al patibolo

Sono nata a Bergamo, ho frequentato il liceo artistico  ed ora studio illustrazione allo IED di Milano.
È la prima volta che espongo una mia opera.
Il quadro è stato realizzato in acrilici.

Paolo Basevi | Soldi d’artista


Paolo Basevi Soldi d'artista
Paolo Basevi Soldi d'artista

Il valore del tempo, o meglio dell’infratempo, che è tempo solo interiore, merita il conio di una moneta,di uno spicciolo da spendere per svestire gli abiti che si è soliti portare, per pensare a ciò che è più grande e che racchiude tutti i significati, anche quello della propria esistenza.

 

 

 

Paolo Basevi
Ha esposto :
2004  Boschi di Carrega PR “Parole dipinte”
2004  Città di Guastalla-Chiesa di San Francesco2005 Sala comunale Borri Calestano
2006  Castello di Lerici
2007  Villa Soragna Collecchio PR
2008  Museo Glauco Lombardi Parma
2008  Galleria 9 colonne Milano
2010  La Meridiana Modena “Infratempo”
2010   Spazio Tadini “Natività”
2011 Spazio Tadini “Er Fahren”
2011  Corte di Giarola Parma

Paolo Basevi Soldi d'artista
Paolo Basevi Soldi d'artista

Giordano Morganti | Soldi d’artista


L’ opera “sanfigheuro” nasce da alcune considerazioni che comprendono la storia di due governi, i nostri ultimi due!, ma non aggiungo altro al riguardo. Invece dirò che l’oggettività di quest’opera concorre con alcuni miei pensieri che nulla hanno a che fare con l’erotismo fin troppo mortificato da esseri che appaiono ma non esistono.

Giordano Morganti San Figheuro Soldi d'artista
Giordano Morganti San Figheuro Soldi d'artista

Nasce a Milano nel 1956 ma è di origini senesi e ferraresi. Studia pittura alll’Accademia di Brera a Milano. Inizia a scattare le prime fotografie a nove anni con una kodak instanmatic. A diciassette anni inizia a collaborare con Vogue italia ritraendo lo scrittore Jorge Louis Borges. La collaborazione con Vogue continua per vent’anni pubblicando per uomo vogue e vanity fair numerose copertine a personaggi famosi fra cui il presidente Francoise Mitterand, Francesco Cossiga, Vanessa Paradis, Lou Reed, Carlo Rubbia, Kirk  Duoglas e moltissimi altri ancora. Collabora poi con Harpes Bazaar, Stern, Sette, Il Venerdì di Repubblica. Contemporaneamente al lavoro professionale che spesso lo porta a forti contrasti con l’editoria italiana “chiusa a riccio dentro idee vecchie e becere gestita da fotoeditor improvvisati”, si dedica anima e corpo alla ricerca personale. I suoi lavori sono volti al sociale ma sotto una nuova luce che vogue (unica testata riconoscente al suo lavoro) ne pubblica numerosi scatti. Entra negli ospedali psichiatrici e ci lavora per oltre trent’anni pubblicando una trilogia dal titolo P.H.FRANKENSTEIN; con oltre 230 fotografie che presenta a PALAZZO TE a Mantova nel 2007 in oltre sessanta scatti. Flavio Caroli scrive il testo di presentazione del libro. Vittorio Sgarbi è il primo fra tutti che comprende la qualità dei suoi lavori e li espone nelle sue grandi mostre museali fra cui “Il male”, “Da Tiziano a De Chirico e altre solitudini”, “Il ritratto interiore”, “Arte genio e follia”. Sempre Vittorio Sgarbi sostiene il lavoro di Morganti durante uno scandalo accesosi durante la mostra a PALAZZO TE a Mantova, portando alla riapertura della mostra con oltre 1500 visitatori nel solo giorno di chiusura. Molti lavori ancora, fra cui due ricerche sulla donna di prossima pubblicazione, uno su una coppia diversa, nature vive, luoghi non bene occupati, persone perdute. Oltre 60 le mostre personali e collettive solo negli ultimi 10 anni di lavoro in prestigiose sedi pubbliche e private. Ha partecipato alla Prima Biennale D’arte di Barcellona nel 1985 con 10 Opere tratte da “The Body”.
Unico italiano ad aver partecipato alla feira della Fotografia Tedesca a Monaco di Baviera con 3 opere. Ultima, e da poco chiusa, una personale alle Sale VIP
dell’aereoporto internazionale di Malpensa
che, incontrando un grande successo di pubblico, vi rimane per ben nove mesi. Curatore della mostra è lo Spazo Tadini di Milano, dove nel 2010 ho esposto, per la prima volta a Milano, la mostra Psichiatric Hospital Frankenstein.
Lavora esclusivamente in bianco e nero con pellicola e stampa personalmente ogni sua fotografia.

CALENDARIO MOSTRE

1975    Milano
Mostra “LA DONNA”
Galleria Molino delle Armi.

1980    Milano
Sicof “THE BODY” a cura di Lanfranco Colombo.

1981    New York
Mostra itinerante “12 FOTOGRAFI ITALIANI” Monas Hierogliphica.

1982    La Spezia
Centro Allende “GRANDI MAESTRI – i fotografi di Vogue” a cura di     Alberto Nodolini, 5 marzo 1982.

1983    Pechino
Museo d’Arte Moderna “MOSTRA REPUBBLICA CINESE”, donazione     Lanfranco Colombo.

Milano
“THE BODY” nella chiesa sconsacrata di Via Piero della Francesca.

1984    Berlino
Mostra Storica “LA FOTOGRAFIA TEDESCA”.

1985    Barcellona
Mostra “ 1° BIENNALE D’ARTE “ Catalogo ufficiale.

1987    Milano
Mostra a Palazzo Reale “ L’UOMO VOGUE 20 ANNI DI RITRATTI “     Catalogo Condé Nast ottobre.

Milano
Sicof Mostra “DONNE SENZ’ANIMA” a cura di Lanfranco Colombo.

1988    Milano
Mostra Galleria San Fedele “NIENTE” a cura di Alberto Piovani.

1991    Milano
Mostra Galleria Credito Valtellinese “ AMNESTY INTERNATIONAL “     curata da Giovanna Calvenzi.

1993    Milano
Mostra presso la biblioteca di Via  Senato “ FONDAZIONE DI     FOTOGRAFIA “ dedicato a  Lanfranco Colombo.

Bergamo
Mostra “ ACCADEMIA DI FERRARA “  Galleria d’Arte Moderna.

1994    Milano
Mostra Galleria San Fedele “ NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE “ curata     da Daniela Palazzoli. Dal 19 gennaio al 12 febbraio.

Roma
Mostra “ PROVINI D’AUTORE “ Centro Culturale Francese, P.zza     Navona. Catalogo Federico Motta. Dal 18 febbraio al 12 marzo.

1995    Varese
Mostra “ RITRATTI “ presso Rossi di Albizzate, curata da Alberto Piovani.

Milano
Teatro Franco Parenti “ STORIE DI DIPENDENZA “, dal libro di Emilio     Tadini.

Roma
Mostra “ RITRATTI ” Mostra d’Arte Moderna, curata da Franco Lefèvre .

1997    Milano
Mostra Multimedia Gallery. Dal 7 al 25 febbraio.

2000    Milano
Mostra della Rivista “ CITTA’ “. Galleria Antonio Iannone.  Dal 1 al 15     ottobre.

2001    Mantova
Mostra Galleria Bernardelli “ COME VEDONO I CANI “ antologica. Dal 8     settembre al 7 ottobre.

2002    Roma
I° Festival della Fotografia, presso la Galleria “ La Nuova Pesa “ collettiva     con Jannis Kunellis e Rebecca Horns. Dal 25 maggio a novembre.

Roma
Campidoglio “SENZA FISSA DIMORA” 22 giugno.

2003    Milano
Pelota, mostra collettiva durante la “ Fiera del Designer “ con 11 immagini,     maggio.

Roma
III° Festival della Fotografia “ Temple University “ “ CHI SIAMO “. Dal 17     maggio al 22 giugno. Catalogo Federico Motta.

Todi
IV° Festival Città di Todi “ NATURA MORTA: RIFIUTI “. La mostra tratta     della Follia, curata da Simona Marchini. Dal 18 luglio al 31 agosto.

Mantova
Mostra Galleria Area Bernardelli “ RESURREZIONI “ e catalogo, dal 6     settembre al 8 ottobre.

Milano
Mostra personale “ IL VOLTO “ curata da Toti Melzi. Fondazione Collegio     Università, 29 settembre.

Palermo
“DA TIZIANO A DE CHIRICO  e altre solitudini“ Albergo delle Povere, dal     11 ottobre al 11 gennaio 2004.

2004    Milano
Asta Sothebis “SCATTI PER BENE “. Catalogo De Agostini. Dicembre     2004.

2005    Torino
“IL MALE “ mostra curata da Vittorio Sgarbi, Palazzina di Caccia Stupinigi,     catalogo Skira.

Aosta
“RITRATTO INTERIORE “ mostra curata da Vittorio Sgarbi, dal 31 maggio     al 2 ottobre. Catalogo Skira.

Milano
Asta Sothebis “SCATTI PER BENE “. Catalogo De Agostini. Novembre.

Milano
Mostra “I SORDI E LA FISIOGNOMICA “ sottotitolata “ il silenzio e la     parola “ per lo spazio dedicato alle mostre, Libreria  Feltrinelli di Milano,     dal 9 novembre al 8 dicembre. Inaugura il 14 novembre onorandosi dell’     intervento dello storico dell’arte Flavio Caroli.

2006    Lodi
Mostra dal titolo “L’INQUIETUDINE DEL VOLTO –  da lotto a Freud da     Tiziano a De Chirico”, curata da Vittorio Sgarbi, presso le sale della B.i.p.     Italia City (Banca Italiana Popolare), è presente un’opera fotografica. Dal     11 novembre 2005 e chiude il 12 febbraio 2006, catalogo Skira editore.

Reggio Emilia
“IL VOLTO DELLA FOLLIA “ a Palazzo Magnani, curata da Sandro     Parmigiani, dal 12 novembre 2005 al 22 gennaio 2006, si tratta della più     grande mostra collettiva sulla malattia mentale con una raccolta di circa     500 scatti a partire da fotografie dell’ottocento fino alla contemporaneità.     La mostra è in un grande catalogo edito da Skira.

Varallo Sesia
Nelle sale di Palazzo D’Adda  una mostra personale, a dittico. Titolo: “      ESTERNINTERNI “. Per il trentennale dell’ Alpaa. La mostra inaugura il 9     luglio.

Milano
Galleria “Brera 5 “ di Montrasio, mostra personale inaugura il 30     novembre: “ MIND’S FRIENDS: THE NEW MONARCHY “. Catalogo     mostra.
Presentazione I° libro “ OPERAZIONE FRANKENSTEIN “ in tre volumi.     Silvana editoriale.

Bar Giamaica mostra curata da Pedrazzini. “ MINDS WALLS “ inaugura il     15 novembre.

2007    Mantova
L’assessorato ai beni culturali della città di Mantova per la serie “ I Grandi     Fotografi “ realizza una mostra occupante le sale di “ Palazzo Tè “: per la     prima volta sono esposti i 34 anni di lavoro di ricerca.

Denver
“IL VOLTO DELLA FOLLIA “ diventa mostra itinerante con prima tappa     Denver poi Parigi.
Parigi ultima tappa.

2008    Genova
Mostra Galleria VisionQuest “COLLETTIVO 180” dal 10 ottobre al 30     novembre

Milano
Mostra Galleria Cà di Frà “POLAROID” da novembre a gennaio.

Verona
Arte Fiera: Galleria Movimento, interpretazioni di “ P.H. Frankenstein “     eseguite da Giovanni Sesia e tre mie opere originali.

2009    Siena
Mostra Museale Fondazione Monte dei Paschi “ARTE GENIO E FOLLIA –     IL GIORNO    E LA NOTTE    DELL’ARTISTA” Ideatore e Curatore Mostra     VITTORIO SGARBI dal 30 gennaio al 21 giugno, catalogo MAZZOTTA.

Genova
Mostra personale Galleria VisonQuest “BLOOD ON BLOOD” dal 01     ottobre al 29 novembre.

Milano
Dibattito presso la sezione di Filosofia del’Università Statale, argomento     P.H.Frankenstein il 13 maggio, relatore prof. Massimo Rizzardini.

2010     Milano
Personale a “Spazio Tadini “ P.H. Frankenstein in allestimento completo       come a Palazzo Tè nel 2007. Dal 27 Ottobre al 27 Novembre.

Milano
Collettiva a “Spazio Tadini” dal 1 Dicembre al 18 Gennaio 2011. “ La            natività”.

2011    Roma
Collettiva a “Nuova Pesa” per il25° anniversario della gestione di Simona       Marchini.Presento un’opera inedita
“Il segno dei quattro” dal 4 Maggio al 20 Maggio

Milano
Malpensa sala vip Monteverdi “ p.h. Frankenstein” dal 2 dicembre al 30           maggio poi prorogata fino al 4 Novembre.

Venezia
Biennale” 5 mie opere” parteciperanno alla fondazione del “ Museo della     Follia” di Vittorio Sgarbi  a Torino inaugurazione il 29 Novembre

Milano
Collettiva a ” Spazio Tadini “I Muri dopo Berlino si chiamano frontiere dal     16 giugno al 29 luglio

Milano
Collettiva “Spazio Tadini” Soldi d’artista presentata  l’opera ” Sanfigheuro     69″

Lamu | Soldi d’artista


Ho inventato questa banconota che voleva significare come il mondo e il destino sembrano proprio che vadano a caso, senza guardare in faccia a nessuno. La banconota ha diversi parti con vari significati: come sfondo, abbiamo il mondo rovesciato, che simboleggia quanto la società e la natura vada a rotoli; poi abbiamo, sopra e sotto, come cornice, varie caricature dell’evoluzioni dell’uomo che, però, di tanto in tanto torna alle origini animali; la tigre e il valore numerico della banconota sono dedicate ad un giovane ragazzo che ha perso la vita facendo ciò che amava. Parlo di Marco Simoncelli, grande pilota di motociclismo, ma anche grande uomo, cosi grande e perfetto che questo mondo così imperfetto, non è riuscito a tenerselo!! Poi il simbolo di Superman con due linee verticali che ricordano la S del dollaro, questo simboleggia ironicamente la difficoltà economica attuale; in fine sui due lati della banconota troviamo un pikke a meta con un mini capezzolo che è un po’ la mia traccia.

Sono nata immersa in un colore, circondata da Cyano Magenta e Giallo. Ero sempre in qualche studio d’Artista, università d’Arte o in qualche mostra… e disegnavo, dipingevo sempre… ovunque… fino a quando, a 12 anni, mi commissionarono delle illustrazioni ad acquerello per un libro… Allora iniziai a prendere l’Arte come una parte fondamentale per potermi esprimere. Poco dopo mi interessai all’areolsol-art dove mi cimentai con tutta me stessa. Ho fatto dei lavori per negozi e mostre, dipingendo soffitti pareti e clear, poi dipinsi una stanza per un bambino. Ma ad un tratto senza rendermi quasi conto passai dal muro alla tela. Tutto iniziò in una notte a casa, dove avevo tanta voglia di creare, dipingere, ma non avevo muri ne spazi esterni dove esprimermi, allora presi una tavola da “skate” rotta è iniziai a disegnarci sopra. Da li cominciai a dipingere su tavole, cartoni e qualunque materiale riciclabile o non che potesse diventare una tela. Ho frequentato il Liceo Artistico di Brera poi feci un piccolo corso di grafica al Castello Sforzesco di Milano, e un anno dopo feci un piccolo corso di ceramica dove ho cercato di realizzare i soggetti dei miei quadri in tre dimensioni. Frequento tutti gl’anni la Stamperia D’Arte di Milano dove dipingo ma soprattutto imparo tante tecniche dell’incisione, dall’acquaforte, alla serigrafia, alla pintaseca, ecc.  Lamu/Tanya Gercia Dominguez

Sergio Sansevrino | Soldi d’artista


La materia, del sole, delle stelle e dell’universo ha coniato il valore di queste monete; nel riflesso radioso e smisurato dell’infinto. Sergio Sansevrino

Attraverso gli aspetti di un recupero progressivo del passato sulla base di una struttura volta a ricostruire gli sviluppi di un flusso di coscienza che procedendo a ritroso si perde negli anfratti più reconditi della mente. Una documentazione di mondi che rappresentano e inducono a loro volta a diversi stadi di coscienza. Molteplici i riferimenti, le suggestioni, i simboli: dalla letteratura alla favola, dalla storia all’utopia. Così potrebbe definirsi la ricerca di Sergio Sansevrino milanese di nascita (1965).
L’anno seguente la maturità tecnica decide che la pittura sarà il suo impegno totale. Si iscrive alla Scuola Superiore degli Artefici di Brera, seguendo i corsi con i docenti: Sabina Capraio Colantuoni (disegno), Luciana Manelli (tecniche del disegno) e con Luca Vernizzi (disegno per figura). Vive con la sua famiglia tra Milano e il lago di Como. Ha esposto in un centinaio di mostre, tra collettive personali e rassegne, i suoi lavori si trovano in collezioni pubbliche e private.

Sull’opera di Sansevrino hanno scritto:
Donatella Airoldi, Giulia Airoldi, Sabrina Arosio,Marco Baj, Giorgia Berra, Felice Bonalumi, Cinzia Bossi Bollino, Roberto Borghi, Rossana Bossaglia, Claudio Caserta, Luciana Cataldo,Sergio Dangelo, Marilena Di Tursi, Sara Fontana, Armando Ginesi, Lorella Giudici, Antonella Marino, Pietro Marino, Elisabetta Mero, Domenico Montalto, Francesca Pagliuca, Mimma Pasqua, Stefano Sassi, Paola Sandionigi, Ida Terraciano, Alberto Veca, Paola Zorzi.

Opere in permanenza:
Collezioni Civiche Raccolte d’Arte Palazzo Marliani-Cicogna, Busto Arsizio (Va); Museo Arte Contemporanea di Pavia; Ospedale Civile A. Manzoni Lecco; Istituto Italiano di Cultura Bruxelles; Civico Museo Parisi–Valle, Maccagno (Va); Fondazione Cassa di Risparmio di Bologna; Liceo Legnani Saronno (Va); Istituto Romeno di Cultura Umanistica, Venezia; Pinacoteca Civica di Ripe S.Ginesio (MC); Collezione BauForm, Maracalagonis (CA);  Boiroin Laboratoires, Lione France; Museo Gianni Rodari “Spazio della Fantasia” Pieve Torina (MC); Museo del Fango (museo itinerante). Archivio Storico di Vigevano (PV).

Premi:
2004 Premio Movimento Segrete di Bocca 2004, finalista, Libreria Bocca Milano.
Premio di pittura Città di Busto Arsizio 2004, finalista, Fondazione Bandera per l’Arte, Busto Arsizio (VA).
3° Premio internazionale d’Arte Pavia, finalista, Castello Visconteo Pavia.
2007 5°Premio d’arte Donato Frisia, finalista, Palazzo Prinetti Merate (CO).
2009 9°Premio di pittura città di Novara, segnalato, Palazzo del Broletto, Novara.