Archivi tag: mostre a Spazio Tadini

Mostre Milano: a Spazio Tadini personale di Paolo Basevi: IN DIES. Testo critico di Francesco Tadini- Dal 6 al 26 novembre


 

VERNISSAGE

6 Novembre 2013 ore 18.30 Spazio Tadini –Via Niccolò Jommelli, 24 Milano – Italia – +39 0226829749

La mostra sarà aperta dal 6 al 26  novembre 2013 Orari apertura:martedì –venerdì ore 15.30 -19 o su appuntamento

In Dies – testo critico di Francesco Tadini

Un paesaggio che non è fatto di paesaggio. Un paesaggio al quale appartengono cose che non facevano – prima – parte del paesaggio. Una pittura che non è fatta solo di pittura, ma – anche – delle stesse cose che fanno parte di un paesaggio rinnovato. Un paesaggio che si compone con la stessa libertà che si prende (e al quale viene, poi, tolta) un bambino che rappresenta, giocando, il mondo.

Deve essere così, anche per gioco, che Picasso, Braque, Juan Gris, ma, poi, anche Carrà, Prampolini, Soffici, Sironi, Arp, Picabia, Duchamp, Man Ray, Schwitters… per arrivare a Burri, a Rauschenberg, a Rotella (eccetera!) hanno introdotto nei quadri le cose di ogni giorno. Quelle cose alle quali siamo portati a dare retta per pochi minuti. Quegli oggetti che stanno, costantemente, per essere dimenticati. Così indispensabili a informarci, a confezionare, trasportare, conservare, trasmettere, accettare, rifiutare e, allo stesso tempo così estranei alla grande Piramide del Bello. Continua a leggere Mostre Milano: a Spazio Tadini personale di Paolo Basevi: IN DIES. Testo critico di Francesco Tadini- Dal 6 al 26 novembre

ARTE A MILANO: TRE DONNE RACCONTANO IL LORO MONDO: Sara Forte, Dominguez, Veronique Dalschaert -martedì 4 giugno ore18.30


A Spazio Tadini martedì 4 giugno inaugurano tre personali di tra artiste. Vernissage dalle ore 18.30 alle ore 21.

DOMINGUEZ: ACQUATICA dal 4 al 30 giugno

“L’acqua e tutto il mondo che vi gravita attorno sono elementi ricorrenti del lavoro artistico di Dominguez. A Spazio Tadini espose nel 2010 una serie di opere legate alla città partendo dai tombini. Anche in quel caso, il suo sguardo sul contesto urbano si spostò dagli edifici, alla strada, fino al sottosuolo dove scorre un’anima acquatica della città, una sorta di reticolo che collega, come un embrione, il centro urbano a madre terra”. leggi

SARA FORTE: I DIECI MONDI dal 4 al 30 giugno

“I dieci mondi rappresentano dieci stati vitali secondo il buddismo in cui Sara Forte si riconosce. La sua attività artistica sviluppa queste tematiche promuovendo la consapevolezza di questi stati dell’essere. I dieci mondi non sono luoghi concreti e oggettivi, ma condizioni del tutto soggettive. Sara Forte, attraverso la sua pittura informale ne traccia dei profili, delle forme, delle sembianze”. leggi

VERONIQUE DALSCHAERT: IL MONDO DI VERONIQUE dal 4 al 20 giugno

“La pittura di Veronique Dalschaert si avvicina alla corrente surrealista e richiama, per il particolare uso della luce, per l’attenzione al dettaglio e l’esclusivo uso dell’olio, la pittura fiamminga.  L’effetto è la creazione di un mondo onirico, fiabesco dove gli animali popolano un universo improbabile, che non rispetta le leggi della fisica: dalle equazioni gravitazionali alle proporzioni fino alle collocazioni spazio temporali. Un mondo dove saltano le logiche cognitive, dove viene sovvertito il pensiero logico-matematico per invitare l’osservatore a percorrere una nuova dimensione attraverso giochi simbolici e colori.” leggi

Le mostre a Spazio Tadini sono a cura di Francesco Tadini e Melina Scalise

Sara Forte espone “I dieci mondi” a Spazio Tadini dal 4 al 30 giugno 2013


I dieci mondi rappresentano dieci stati vitali secondo il buddismo in cui Sara Forte si riconosce. La sua attività artistica sviluppa queste tematiche promuovendo la consapevolezza di questi stati dell’essere. I dieci mondi non sono luoghi concreti e oggettivi, ma condizioni del tutto soggettive. Sara Forte, attraverso la sua pittura informale ne traccia dei profili, delle forme, delle sembianze. Linee, forme astratte e colori raggiungono un equilibrio compositivo che ricorda la pittura di maestri come Kandinskij. Ogni opera è un’emozione, uno stato emotivo dell’essere e la visione d’insieme del suo lavoro costituisce un viaggio emozionale così come la vita. Ogni tela è un ritratto interiore in cui ognuno potrebbe riconoscersi.

Esposizione a cura di Francesco Tadini e Melina Scalise.

Scrive del suo lavoro l’artista:

Sara Forte
Sara Forte

“Viviamo in un tempo disordinato, carico d’imprevedibilità e pregno di analfabetismo affettivo. Tutto corre sul filo spesso del consumo spasmodico di ogni cosa. Arti, sogni, emozioni, ricordi sono fagocitati quasi ancor prima di essere concepiti.

Perché tutto svanisce? Perché l’assenza di concetto favorisce il minimalismo, mancano punti di riferimento concreti e siamo sempre più in balia degli eventi. Continua a leggere Sara Forte espone “I dieci mondi” a Spazio Tadini dal 4 al 30 giugno 2013