Archivi tag: Melina Scalise

C’era una volta il muro mostra con Spazio Tadini


“C’era una volta il muro” è la mostra organizzata dall’Arci per ricordare i trent’anni dalla caduta del muro, ma anche per riflettere su tutti i muri che nel frattempo si sono costruiti. La mostra inaugura l‘8 novembre alla Ex Fornace, Alzaia Naviglio Pavese 16 e vedrà in mostra anche le opere degli artisti che parteciparono all’esposizione organizzata dal Museo Spazio Tadini al ventennale della caduta del Muro di Berlino a cura di Melina Scalise: I muri dopo Berlino. Giovedì 14 novembre 2019 ore 14,30 invece, ci svolgerà un incontro aperto alle scuole “L’arte come strumento di riflessione sulla realtà: i profughi e i muri dopo Berlino”. Incontro con gli studenti a cura di Melina Scalise alla ex Fornace.

A trentanni dalla caduta del Muro di Berlino
A ventanni dalla caduta del Muro di Berlino

L’inaugurazione si terrà l’8 novembre alle 18.30 ed interverranno

Mauro Sabbadini (Arci Lombardia), Gianni Zuretti (Mescalina),
Sergio Meazzi (Assessore alla cultura Municipio 6), Melina Scalise
(Casa Museo Tadini), Katrin Ostwald-Richter (Direttrice Goethe-
Institut Mailand)

Dal giorno al 15 novembre sono in programma diversi eventi.

PROGRAMMA
Venerdì 8 novembre 2019 ore 18,30
Inaugurazione
Intervengono:
Mauro Sabbadini (Arci Lombardia), Gianni Zuretti (Mescalina), Sergio Meazzi (Assessore alla cultura Municipio 6), Melina Scalise (Casa Museo Tadini), Katrin Ostwald-Richter (Direttrice Goethe-Institut Mailand)

Sabato 9 novembre 2019 ore 15,30
“Una valigia di oggetti dalla DDR”
Visita guidata
A cura di Isabella Amaduzzi

Sabato 9 novembre 2019 ore 21
“Canzoni attorno ai muri”
Con, Paolo Ronchetti, Roberto Rossi “Stanga”, Luigi “Napo” Napolitano
Concerto-racconto di una indagine sonora su ciò che i muri hanno costruito nel nostro immaginario musicale

Domenica 10 novembre 2019 ore 10,30
“Mi ricordo il muro di Berlino”
Testimonianze di:
Luciana Castellina, Ennio Remondino, Peter Seidel, Paolo Pillitteri, Antonio Pizzinato, Paolo Hutter, Sergio Meazzi, Luciana Mella, Paolo Pinardi….
Coordina Luigi Lusenti

Martedì 12 novembre 2019 ore 21
Il muro dello stigma e dei pregiudizi verso la malattia mentale
Antonella Barlocco, psichiatra del Centro Psicosociale di Cuggiono ASST Ovest MI

Mercoledì 13 novembre 2019 ore 21
Spettacolo teatrale “Il muro e lo specchio”
A cura della Compagnia dell’elefante 2019

Giovedì 14 novembre 2019 ore 14,30
L’arte come strumento di riflessione sulla realtà: i profughi e i muri dopo Berlino
Incontro con gli studenti a cura di Melina Scalise

Giovedì 14 novembre 2019 ore 18,30
“Cos’è un muro”
Confronto fra, Gabriele Nissim (presidente Gariwo), Roberto Escobar (filosofo politicio e critico cinematografico), Salvatore Carrubba (presidente del Piccolo Teatro)
Modera Mauro Sabbadini

Giovedì 14 novembre 2019 ore 21
“Milano città senza muri?”
Testimonianze di:
Cosima Buccoliero (direttrice Carcere Minorile Beccaria e direttrice del Carcere di Bollate), Simone Gambirasio (giornalista), Modou Gueye (Centro Internazionale di quartiere), Maryan Ismail (operatrice culturale), Nino Romeo (Camera Sud Milano), Tommaso Santagostino (antropologo), Elio Savi (presidente ReAgire aps)
Coordina Laura Miani

MOSTRE SUL MURO DI BERLINO

Il cammino verso l’unità tedesca
A cura del Consolato Generale della Repubblica Federale di Germania a Milano

I profughi e i muri dopo Berlino
A cura della Casa Museo Tadini

Una valigia di oggetti dalla DDR
A cura di Isabella Amaduzzi

Mostra fotografica
“Milano città senza muri?”
Espongono
Elena Galimberti, Luigi Lusenti, Domenico Martinelli, Laura Miani, Nino Romeo, Federico Sponza, Gabriele Zucchella

ORGANIZZANO
Arci Lombardia
Mescalina.it
Circolo Albatros

COL PATROCINIO DI
Milano Municipio 6
Goethe-InsTitut MAILAND

CON LA COLLABORAZIONE DI
Spazio Tadini – Casa Museo

MEDIA PARTNER
ECOINFORMAZIONI

Concerto di sassofoni il 10 novembre 2019 a Spazio Tadini


Domenica 10 novembre un doppio appuntamento. Alle ore alle ore 16.30 una visita guidata con illustrazione della poetica di Emilio Tadini e alle ore 18 concerto a cura di Simc (Società Italia Musica Contemporanea) con un Quartetto di Sassofoni formato da Felice Trotta, Eleonora Fiorentini, Matteo Rossini e Sara Albiani del Conservatorio Rossini realizzato da Andrea Talmelli, presidente SIMC, Ludovico Bramanti, direttore del Conservatorio per il coordinamento d Lamberto Lugli. Musiche di Mauro Ferrante, Mario Perrucci, Lamberto Lugli, Sonia Bo, Paolo Boggio e Daniele Venturi.
Il concerto ha esordito a Pesaro, al Conservatorio di Musica Rossini inserito nell’ambito della rassegna C’è il Nuovo.
Un’altra replica è prevista su Radiocemat, la web radio dedicata alla musica contemporanea.

L’evento è a conclusione di un incontro dedicato all’opera di Emilio Tadini “Parole e figure” a cura di Melina Scalise che inizierà alle 17 nel salone in cui sono esposte le opere di Tadini e si svolgerà il concerto.

Ingresso alla conferenza e concerto 5 euro. Solo concerto ingresso con offerta libera a sostegno delle iniziative culturali del museo.

Programma
Quartetto di Sassofoni del Conservatorio Rossini
Eleonora Fiorentini, Matteo Rossini, Sara Albani, Felice Trotta
Mauro FERRANTE Do. Mi. Si
Felice Trotta sassofono contralto
Mario PERRUCCI Capriccio per quartetto (rev. Paola Perrucci)
Lamberto LUGLI Hold one’s breath per quartetto
Sonia BO Dal “Libro dei prodigi”
Felice Trotta sassofono baritono
Paolo BOGGIO The Traveler’s song per quartetto

  • Adagio quasi andante
  • Vivo
  • Commiato Daniele VENTURI Voci per quartetto
    Quartetto Sassofoni Conservatorio Rossini Il Quartetto di Sassofoni, formato da Eleonora Fiorentini (Sax Soprano),
    Matteo Rossini (Sax Contralto), Sara Albani (Sax tenore) e Felice Trotta (Sax Baritono), allievi delle classi di sassofono del Conservatorio “G. Rossini” di Pesaro, per l’occasione è stato preparato dal M° Stefano Venturi. Formatosi nel 2013 per attività didattiche nelle scuole, in rappresentanza del Conservatorio, svolge ora attività concertistica per Enti Locali,
    Associazioni Musicali e Teatri Regionali e Nazionali. Il Quartetto di Sassofoni del Conservatorio Rossini in seguito ai numerosi concerti, ha ottenuto unanimi consensi da parte del pubblico e della critica, sia per la qualità delle sue esecuzioni sia per la varietà del proprio repertorio.
    Nel percorso di studi superiori tutti gli allievi di sassofono sono chiamati inoltre a far parte della Saxorchestra del Conservatorio, organico orchestrale che ha caratteristiche acustiche innovative, che suscitano grande interesse tra il pubblico ed è formato da tutti gli strumenti della famiglia dei sassofoni.
    Il repertorio spazia dalla musica rinascimentale alla musica classicoromantica fino ai nostri giorni includendo anche un nutrito numero di brani jazzistici. La ricchezza timbrica dell’intera famiglia dei sassofoni ha stimolato l’interesse di molti compositori, che gli hanno dedicato le loro musiche.
    L’orchestra partecipa attivamente alle attività interne ed esterne del Conservatorio di Pesaro ed è diretta dal M° Federico Mondelci e dal M° Stefano Venturi.

Margot Minnelli fotografata da luciano bambusi


Mostra fotografica di Luciano Bambusi sulla vita di Margot Minnelli, che ha scelto di vivere da donna e di interpretare sulla scena internazionale dive come Marilyn Monroe, Lize Minnelli, Marlen Dietrich, Carmen Miranda. Alla casa museo Spazio Tadini dal 19 settembre al 20 ottobre l’esposizione apre al pubblico il 19 alle ore 18.30 con ingresso libero, in collaborazione con il Consolato Brasiliano

Trentacinque fotografie che raccontano uno stile di vita che non si sofferma sulla transessualità.

l mio nome anagrafico è Airton, a San Paolo, a scuola, mi chiamavano Fiorellino – racconta Margot -. A quindici anni ho capito che mi sentivo donna. In Brasile e in Italia ho studiato teatro e regia cinematografica, ma non è facile trovare un lavoro se vuoi vivere da donna. Per non rinunciare alla mia identità sessuale ho perso molte opportunità. Per vivere ho dovuto svolgere diversi lavori tra cui alcuni gratificanti come recitando in teatri di diversi paesi del mondo e ricoprendo alcuni ruoli cinematografici. Per trovare un mio posto al mondo ho dovuto inventarmi. Grazie agli studi teatrali ho studiato il profilo di alcune dive di Hollywwod e ne ho individuate alcune su misura per me anche per caratteristiche somatiche. Ormai convivo con queste identità femminili Marlene Dietrich, Marilyn Monroe, Carmen Miranda e Liza Minnelli su cui svolgo costantemente ricerche e riproduco anche i loro abiti di scena . Su Carmen Miranda ho organizzato anche una mostra in collaborazione con il Consolato Brasiliano”.

La fotografia di Luciano Bambusi è in bianco e nero, in pellicola, e conserva un sapore senza tempo che concentra l’attenzione sulla storia del personaggio. Cinque anni di lavoro e di collaborazione al progetto fotografico fanno di questa mostra un esempio di narrazione fotografia di stile biografico.

Il fotografo Bambusi, milanese, ama un uso della fotografia documentativa e narrativa, che arriva a indagare non solo personaggi come nella mostra su Piero Mazzarella, sempre a Spazio Tadini, ma anche luoghi e costumi come il libro su Orgosolo (Sardegna), Un Paese, la gente, a cura di Roberto Mutti.

In mostra è disponibile un catalogo dell’esposizione con il testo di Melina Scalise.

Intervista a cura di Melina Scalise

“Ho conosciuto Margot per caso ad un suo spettacolo al Borgo del Tempo Perso con qualche scatto veloce e improvvisato. Un volto, un personaggio che mi aveva colpito. Il caso volle che la incontrassi di nuovo e le chiedessi se desiderava vedere le foto. Scoprii la sua passione per il cinema, la musica e la scena e, non ultima, la fotografia. Ci trovammo d’accordo sul mio modo di intenderla e nacque l’idea di questo progetto fotografico durato 5 anni”. Così Luciano Bambusi, parla di questo lavoro che riproduce il suo modo di concepire la fotografia ovvero come strumento di narrazione dell’uomo e sull’uomo.

“Nella fotografia non riporto un’immagine, ma il mio pensiero” è così Luciano Bambusi, in questa raccolta di scatti, struttura un racconto quasi cinematografico con una sequenza narrativa precisa. Le foto si presentano in bianco e nero. Sono essenziali, come l’inchiostro di una penna che non ha bisogno di colori per la sua narrazione di parole. L’immagine, in questi scatti, come la parola, racconta.  L’immagine è segno e disegno. “Il bianco e nero – spiega Bambusi – restituisce meglio la specificità umana.  Non offre distrazioni”.

La protagonista di questo racconto è Margot Minnelli, personaggio dalle molteplici vesti: Marlene Dietrich, Marilyn Monroe, Lize Minnelli, Carmen Miranda. Nasce Airton, a San Paolo del Brasile, presto si scopre donna e diventa nella vita semplicemente Margot calcando la scena nei luoghi più diversi sulle navi da crociera, nei teatri e al cinema dando espressione ai suoi studi teatrali nell’unico modo che le era concesso in una società che lascia poco spazio a chi è “diverso”: se si è un uomo che si veste da donna si rischia di essere visti solo come “oggetto” sessuale, ancor più che per una donna. Così tutte le sfaccettature di queste persone sono fagocitate dalla “questione sessuale”.

Non potevo svolgere un lavoro “normale” né da attrice, né da grafica o altri mestieri – racconta Margot – così ho cercato delle identità femminili da interpretare. Ho studiato il loro volto, la loro vita, i loro gesti e quelli più vicini alla mia figura e alla mia personalità sono diventate i miei personaggi. Non c’è dunque un travestimento, ma una vera e propria ricerca filologica prima e un’interpretazione attorale poi.  Questo mi differenzia. Ripropongo questi miti femminili senza tempo realizzando persino i loro costumi di scena con rigore e ricerca tanto che ho curato, con foto ritrovate da me, una mostra su Carmen Miranda presso l’Istituto di cultura Brasiliano a Milano. Regalo al mio pubblico e a me stessa l’illusione, un sogno e queste donne sono ormai parte di me”.

I personaggi femminili scelti da Margot sono icone senza tempo e incarnano un’immagine di seduzione della donna che nasce dalla relazione tra l’immagine e la voce e supera le differenze tra i sessi. Pensiamo ad esempio quanto sia rimasta nell’immaginario collettivo l’interpretazione di Happy Birthday di Marilyn al compleanno di Kennedy. Il fascino di queste dive che tanto ancora stimolano il nostro immaginario riproducono quella stretta relazione inconscia che esiste tra la voce e il femminile, ovvero tra la voce di una madre, capace di portare chiunque a “casa” e di sedurre in modo incantevole, “per incanto”. Come un canto delle Sirene il cui sesso rimane “sommerso”, né donna e né pesce.

In queste foto che raccontano Margot l’intimità della sua casa, le relazioni nel back stage del palcoscenico, la “vestizione” e l’interpretazione sul palco, Luciano Bambusi è riuscito a raccontare la potenza femminile capace di scaturire dal corpo a prescindere dal sesso e nonostante tutte le contraddizioni e le difficoltà, quella di Margot Minnelli è una femminilità felice e riuscita.

Il fotografo è riuscito a far uscire Margot dallo stereotipo che vede gli uomini che si vestono o sentono donne, come caricature e maschere grottesche del femminile. La sua fotografia narra con la delicatezza del poeta.

“Scatto in pellicola e in bianco e nero. Della pellicola amo l’indeterminatezza dell’immagine e la sua profondità di campo. Ne amo il “rumore”, la sua luce diffusa che tanto si perde negli scatti al digitale e la capacità di creare volume all’immagine. L’immagine in queste foto non si discosta dalla visione umana” – spiega Luciano Bambusi.

Ebbene ad evidenziare questo è la gamma dei grigi, i riflessi della luce, i tagli che danno movimento, ma ancor più la netta percezione del tempo. Sì, perché innanzitutto in quegli scatti in pellicola c’è tutto il tempo dell’uomo: c’è il modificarsi continuo dell’immagine ai nostri occhi, è contenuto quel lasso temporale che corre tra l’oggetto e l’occhio e tra l’occhio e l’organo del pensiero. In questo luogo ancora misterioso l’immagine si sgrana di nuova luce e si ricompone di senso e di ragionamento e d’emozione. Nelle foto di Bambusi la grana dell’immagine è della stessa materia del ricordo (che verrebbe falsato dalle linee nette altamente performanti del digitale), ma soprattutto di sentimenti per lasciare traccia.

Cinque anni di lavoro. Un tempo lento, un lavoro più sulla persona che sull’Immagine di Margot, sulla sua femminilità selezionata e liberata. La fotografia di Bambusi è il risultato di un dialogo, soprattutto di un rapporto di fiducia e questo è l’elemento fondamentale e imprescindibile per realizzare un lavoro simile.

Questa fotografia parla di momenti in cui ci si lascia guardare e altri in cui si osserva la vita degli altri, parla della ricerca e della scoperta di cosa li porta a muoversi e vivere ed essere al mondo così come sono. E’ un confronto, un dialogo che passa attraverso le immagini e si traduce in un risultato fotografico che rivela fino in fondo l’efficacia del conoscersi e non solo del “vedersi”.

Melina Scalise

La mostra è stata realizzata in collaborazione con il Consolato Brasiliano a Milano

E con il contributo di

Scarica comunicato stampa