Spazio Tadini e Spazio Instabile: DIVERSAMENTE SIMILI. Il 22 dicembre inaugura una collettiva con 33 artisti di Spazio Tadini in Sicilia a Vittoria

A Vittoria, in provincia di Ragusa, dal 22 Dicembre 2012 al 6 Gennaio 2013, nei locali dell’Ex-Centrale Elettrica (Sala Mazzone), sita in Piazza Enriquez, sarà esposta la Mostra Collettiva “Diversamente Simili”.

Gli artisti in mostra: Andrea Mazzola, Cesare Giardini, Claudio Onorato, Daniela Tomerini, Elena Cirella, Emilio Tadini, Enzo Silvi, Fausta Dossi, Fernando De Filippi, Giovanna Pesenti, Giovanni Cerri, Francesca Magro, Gabriele Poli, Gianfranco Testagrossa, Gianni Allegra, Gioni David Parra, Giovanni Judice, Giuseppe Farina, Goffredo Radicati, Lorenzo Pietrogrande, Lucio Perna, Marina Falco, Mario De Leo, Rossella BAttaglini, Sabrina Miconi, Valente Taddei, Francesco Mattiolo, Michele Cannaò, Patrizio Vellucci, Pilar Dominguez, Riccardo Rossati, Roberto Cosimi, Rodolfo Guzzoni.

L’iniziativa si deve all’Ass. Cult. SPAZIOinSTABILE, di Vittoria, che ospiterà le opere di 33 artisti selezionati dalla SPAZIO TADINI di Milano, con cui già da tempo è stata avviata una proficua collaborazione: alla diversa latitudine corrisponde infatti uno spirito comune e un’identica visione dell’arte d’oggi.

Nell’Italia del gelo e della crisi, crisi economica e della coscienza nazionale, Nord e Sud della Penisola azzerano le distanze all’insegna dell’arte, della cultura e dell’interazione.

SPAZIOinSTABILE e SPAZIO TADINI continuano a scommettere insieme sulle possibilità ancora inesaurite dell’occhio umano e delle mani, della forma e del colore, rigettando la ratio calcolante per un pensiero adeguato all’essenza della vita e degli eventi, al tempo problematico e complesso in cui viviamo..

La recessione economica non è che un sintomo del generale deperimento e svuotamento delle coscienze, della riduzione degli autentici bisogni umani a mere cifre, oggetti, merci, a uno smodato utilitarismo..

Nel deserto del Mercato, nella terra impoverita del dominio delle Banche e dell’apparato finanziario globale, la resistenza è affidata a poche oasi e alle menti il cui percorso non offre sostegno alcuno né garanzie di sicurezza, interessi, dividendi o profitti illimitati..

SPAZIOinSTABILE e SPAZIO TADINI si pongono come zone di frontiera, oasi entro le quali le “necessarie illusioni” di Bellezza e Verità, di Umanità e Giustizia non devono venire meno, pena l’appiattimento e il conformismo, il letargo del pensiero e la rinuncia ad ogni autentica creazione, ad ogni poiesjs..

Le fondamenta del mondo, ciò che è destinato a rimanere, sono le opere d’arte, dei poeti e dei pensatori.. Nei domini del Leviatano questi sono banditi fra gli avversari più temibili, perché aprono spazi non controllabili e sottraggono terreno all’Apparato, al mondo interamente sfruttato e amministrato..

La Collettiva “Diversamente Simili” ospiterà un totale di 47 opere, di varie dimensioni, con la partecipazione di 33 artisti provenienti da diverse regioni italiane; l’auspicio è che riescano a offrire ai fruitori un effetto straniante, quell’ ”urto” che trascina dal contesto ordinario per aprire inedite visioni del mondo e prospettive..

All’interno dell’Ex-Centrale Elettrica, oltre la suddetta Collettiva, saranno esposti anche “Soldi d’Artista”, un’iniziativa sorta sempre dallo scambio fra SPAZIOinSTABILE e SPAZIO TADINI, nella quale diversi autori si cimentano in ironiche interpretazioni della moneta, l’unico Assoluto consentito dal dilagante nichilismo.

La Mostra sarà aperta a partire da Sabato 22 Dicembre 2012, dalle ore 17:00 alle 20:00, tutti i giorni escluso il Lunedì, fino a Domenica 6 Gennaio 2013.