Spazio, corpo e potere presenta A_MANTIDE monologo d’augurio al pasto di e con Maurizio Argàn

A_Mantide, Spazio, corpo e potere, Spazio TadiniPer la seconda volta Maurizio Argàn – Teatro della Centena di Rimini –  torna ospite del progetto Spazio, corpo e potere. Venerdì 25 e sabato 26 gennaio 2013, alle ore 20:45

Una crasi linguistica solo apparente, che in realtà svela – in scena e, di conseguenza, in platea – la duplice veste dell’amore: vittima e carnefice. “A_mantide (monologo d’augurio al pasto)” oscilla tra le infinite sfaccettature del concetto di coppia: energia, consapevolezza, unione, separazione, attesa e frattura.

“È tremenda la specie umana, terribilmente bella – racconta l’interprete e autore della pièce -. Sorprendente. Una specie che travolge se stessa e che rifonda di volta in volta il suo dio oscuro. Le vittime si misurano sempre con l’ombra della loro stessa luce. Uomini e donne, esercitati ferocemente dall’amore che uccidono per caso o necessità, per paura, per punirsi o per redimersi, per fretta, per capriccio o per rabbia. Ma chi è innocente? Colui che muore, certo. E il carnefice? L’omicida, ovvio!”.

“A-mantide (monologo d’augurio al pasto”) è uno spettacolo su quanto sia crudele il gioco nelle storie d’amore. Su chi lascia e su chi è lasciato. E a quanto sia potente il male che le persone si fanno quando le storie finiscono o vivono scontri epocali e dove tutti sono messi sotto giudizio. Una potenza viscerale che spesso diventa angoscia, sacrificio. Anche umano… perché “Sappiamo ciò che siamo. Quello che non sappiamo è cosa potremmo diventare”.

A_Mantide, Spazio, corpo e potere, Spazio Tadini

è un progetto Teatro della Centena, coproduzione ResExtensa in collaborazione con Gruppo Tre (Progetto teatri Abitati una rete del contemporaneo; Regione Puglia, Consorzio teatro Pubblico Pugliese; Comune di Rimini, Istituzione Musica Teatro Eventi).

A_mantide /monologo d’augurio al pasto#2

di e con Maurizio Argàn

con lui Amos Lazzarini

responsabile tecnico: Luca Tognacci

foto di scena e ufficio stampa: Alessandro Carli

post produzione foto e grafica: Francesca Garavini

costruzione e ricerca elementi scenici: Amos Lazzarini

registrazioni voci: Mauro Baratti

aiuto regia:  Alessandro Carli e Amos Lazzarini

scene, costumi, regia: Maurizio Argàn