Archivi tag: Stefano Russo

Video della mostra L’uomo, la Terra, i Pianeti


L’Uomo del nuovo Millennio sta elaborando un nuovo rapporto con l’Universo, un nuovo equilibrio tra lo sviluppo e lo sfruttamento delle risorse per garantire la qualità della vita alle nuove generazioni e rendere meno forti le differenze tra Paesi ricchi e Paesi poveri. In questo stravolgimento economico, tecnologico, politico e filosofico l’arte dà il suo contributo. Sempre più nuovi artisti creano ispirandosi a questi temi o semplicemente esplorando nuove tecniche espressive partendo dall’uso delle energie disponibili come la luce, il sole, il vento, la terra, la gravità. Nella mostra a Spazio Tadini fino al 24 dicembre potrete scoprirne alcuni. L’esposizione, a cura di Melina Scalise e Francesco Tadini vi accompagnerà tra filmati e suggestioni.

Nel video un’anteprima.

Mostre Milano: L’uomo, la Terra, i PIaneti: Stefano Russo


Dal 25 novembre al 24 dicembre 2016 Nella mostra L’uomo, La Terra, i Pianeti a cura di Francesco Tadini e Melina Scalise saranno esposti alcuni lavori di Stefano Russo.

dettaglio di sintesi percettiva

L’artista ha esposto a Spazio Tadini nel 2015 presentando un importante progetto artistico Pro Lumen Light Trasmutation.

Dal buio alla luce come una nascita e come la storia dell’umanità che attraverso le scoperte tecnologiche e scientifiche ha migliorato la visione del mondo: “ha fatto luce”. Nei secoli si è passati dalla visione ad occhio nudo, alla visione attraverso macchine sempre più sofisticate che oggi permettono di vedere ed esplorare sempre meglio la vastità dell’Universo. Queste invenzioni e scoperte hanno cambiato le nostre prospettive, dalla scienza all’arte.

La luce è per Stefano Russo il filo conduttore di un percorso, sicuramente quello dell’uomo, ma forse anche quello dell’Universo. La luce segna spesso il passaggio tra un prima e un dopo. Pensiamo al momento della nascita, quando il bambino si muove dal buio del ventre materno e si spinge verso la luce. Sempre la luce sembra essere il ricordo che accomuna coloro che si risvegliano dal coma. Lo stesso Big Bang è un’esplosione di luce e allora forse c’è da credere che, nella luce, sia insita la stessa variazione della materia dalla vita alla morte. (segue…)

Mostre Milano: L’uomo, la Terra, i pianeti: le energie dell’Universo


Le energie dell’Universo diventano arte e vita per l’Uomo –  per scoprire come visita il percorso d’arte nella Casa Museo Spazio Tadini dal 25 novembre -24 dicembre 2016

Opere realizzate usando un pendolo e la forza di gravità, altre dove i pennelli hanno preso il posto di lenti costruite ad hoc per bruciare con l’energia solare, installazioni di frutti per produrre luce, opere del vento e con il vento esposte insieme a macchine percettive per “osservare l’energia”, queste e altre opere suggestive vi inviteranno ad immergervi in un percorso d’arte e riflessione su L’uomo, la Terra, i pianeti nella Casa Museo Spazio Tadini. La mostra è a cura di Melina Scalise e Francesco Tadini

ARTISTI IN MOSTRA

Marco Ulivieri (forza di gravità),

Giuseppe Lo Schiavo (energia eolica)

Stefano Russo (macchine percettive),

Stefano Marangon (energia solare)

Luciano Maciotta (energia biologica)

Pio Tarantini (Cosmogonie)

Gioni David Parra (Orione come Metafora),

Mario De Leo (lettere Cosmiche)

 

A completare il percorso l’esposizione della collettiva di magliette d’artista Il Tredicesimo Segno:  opere originali create da artisti sui segni dello Zodiaco in occasione della mostra il cui ricavato sarà in parte devoluto all’associazione a sostegno delle sue attività. Simbolo d’eccellenza Ofiuco, rappresentato dalla Metafora di Laocoonte di Gabriele Poli. 

Gabriele Poli: il tredicesimo segno Laocoonte come Ofiuco
Gabriele Poli: il tredicesimo segno Laocoonte come Ofiuco

 

 

 

 

 

 

 

Gabriele Poli (Ofiuco come Laocoonte)

Il tutto nella cornice di una selezione di scatti fotografici sui luoghi di Milano con riferimenti astrologici e astronomici (Milano Celeste)

Inaugurazione ad invito il 24 novembre 2016

Apertura al pubblico dal 25 novembre 2016 – ingresso 5 euro (soci 3 euro)

Il rapporto tra l’Uomo e la Terra ha subito cambiamenti importanti. Oggi abbiamo una maggiore consapevolezza degli equilibri da tenere tra i nostri bisogni e l’ambiente in cui viviamo. Nei centri urbani ci muoviamo sempre più in bicicletta, stiamo limitando l’uso del petrolio, abbiamo abbandonato i sacchetti di plastica, abbiamo imparato e riciclare, mangiamo cibi biologici, usiamo lampadine a led, cerchiamo di dedicare del tempo all’attività fisica. Una rivoluzione importante che è accompagnata da scoperte scientifiche sempre più rivoluzionarie anche sul rapporto non solo tra noi e la Terra, ma anche tra noi e i Pianeti. Ad ottobre di quest’anno, per esempio, la Nasa ha recepito che dall’ultima mappatura del cielo c’è una nuova costellazione, Ofiuco (dal 30 novembre al 18 dicembre), risultato di uno spostamento dell’asse terrestre. Questa costellazione ha avviato una discussione tra astronomi e astrologi sull’aggiunta o meno di un Tredicesimo Segno allo Zodiaco. Si potrebbe dire, “segno dei tempi” in quanto è stato raffigurato come Laocoonte, figura della mitologia greca che lotta con il serpente per salvare i suoi figli e mai, come in questa fase storica, l’Umanità lotta per salvare le sorti del Pianeta e quindi il futuro dei suoi figli. A completare il percorso della mostra troverete anche un’esposizione di magliette originali realizzate da artisti vari tra cui il Tredicesimo segno, Ofiuco, realizzato da Gabriele Poli.

Che si creda all’astrologia o meno l’Uomo ha sempre subito il fascino e l’influenza delle stelle e, nel corso dell’esposizione si svolgeranno degli incontri sul tema con astronomi, astrologi, geologi, ambientalisti.

————————————–

 

Sabato 26 Novembre 2016 ore 18:00 – per la mostra L’uomo, la Terra, i Pianeti : Alessandro Broveglio , astrologo

“Milano e i suoi simboli zodiacali: pillole previsionali per il 2017”


Sabato 3 Dicembre 2016 ore 18:00 per la mostra L’uomo, la Terra, i Pianeti

Ornella Ventura e  Marco Gambassi

Ornella: “Nessuno ci crede ma tutti sbirciano… Differenza tra l’oroscopo di massa e la lettura di un tema natale.”

Marco: “Ofiuco: il tredicesimo segno. Costellazione o Pianeta? Facciamo chiarezza”.

 

Arte Milano: LA PERCEZIONE VISIVA TRA ARTE E SCIENZA finissage mostra di Stefano Russo Pro Lumen


Raccontati da

STEFANO RUSSO, artista in mostra

MARY GARRET, danzatrice professionista

ROBERTA E ANTONIO MURR, consulenti di moda e di lifestyler

ALESSANDRO ALERYDE PANICCIARI, musicista e sound designer

RAUL GABRIEL, artista e performer

 

Il percorso emozionale di Stefano Russo con le sue macchine e strumenti percettivi che racconta la visione tra scienza e arte, non poteva che terminare con un incontro che mettesse a confronto diversi punti di vista. Il 13 giugno alle ore 18.30, a Spazio Tadini, l’artista terminerà questa singolare mostra, che ha riscosso curiosità e gradimento da parte del pubblico, con una conversazione a più voci su come la percezione del mondo e di noi stessi cambia in relazione alle nostre esperienze di vita, alla nostra professionalità e al nostro modo di essere visti nella società.

Si confronteranno con Stefano Russo, Mariafrancesca Garritano, ballerina di successo del corpo di ballo della Scala che vede ribaltare le prospettive della sua vita e carriera per aver raccontato il suo punto di vista sulla danza classica; Roberta e Antonio Murr che ottengono uno straordinario successo mostrando, attraverso una trasmissione televisiva come modificando il look delle persone può cambiare il modo di essere e di esistere; Alessandro Aleryde Panicciari che della percezione del suono ha fatto il suo mestiere; Raul Gabriel artista eclettico che attraverso la materia trova un modo nuovo di raccontare e di raccontarsi; Durante la serata saranno presentati anche Risekult, magazine di arte contemporanea ed associazione culturale, alla presenza del presidente Alessandro Turci e la linea di designer d’interni “Riflessi D’Interno”, ideata da Stefano Russo e realizzata da MED srl, attualmente esposta presso lo show room milanese “Il10Milano”, della quale linea le opere in edizione limitata (i “7 percettori” e “sintesi percettiva”) fanno parte del percorso di “Pro Lumen, light transmutation”.

Mostra in notturna: il 4 giugno visita guidata serale alla mostra Pro Lumen: Light Transmutation a Spazio Tadini


Un viaggio percettivo suggestivo che al calar delle tenebre permette al visitatore una nuova visione delle macchine percettive ideate da Stefano Russo. Un’occasione da non perdere per una mostra insolita che vi accompagna in una dimensione surreale.

Le visite guidate inizieranno dalle 20 fino alle 22.30. Per l’ingresso sarà offerta la tessera promozionale dell’associazione a 2 euro.

Per dettagli sulla mostra e l’autore:

visita anche qui (clicca)

MOSTRE A MILANO TRA ARTE E SCIENZA: PRO LUMEN -LIGHT TRANSMUTATION di Stefano Russo a Spazio Tadini


Stefano Russo

a cura di Caterina Seri e Spazio Tadini 

Inaugurazione 27 maggio 2015 ore 18.30 Continua a leggere MOSTRE A MILANO TRA ARTE E SCIENZA: PRO LUMEN -LIGHT TRANSMUTATION di Stefano Russo a Spazio Tadini

Fuorisalone 2015: speciale design in fibra di carbonio a Spazio Tadini


FUORI SALONE DEL MOBILE 2015- Spazio Tadini (mappa)

SPECIALE

FIBRA DI CARBONIO E DESIGN:

ALLA SCOPERTA DEI MATERIALI E DEL FIBER CARBON DESIGN MADE IN ITALY

 Dal 14 al 23 aprile 2015

sabato 18 aprile 2015 convegno e premiazione dei progetti 2015 di Carbon Fiber Design Contest

CF-Design-Contest-2015

La casa Museo Spazio Tadini, luogo d’arte ed eventi culturali partecipa quest’anno alle esposizioni del Fuorisalone 2015 nel comparto Porta Venezia Indesign con un’esposizione esclusiva dedicata al design in fibra di carbonio. Le aziende che esporranno sono la Mast Elements, T°Red e Hi Tech Carbon Fashion Design, inoltre saranno esposti alcuni prototipi dei progetti di design in fibra di carbonio premiati dal Carbon Fiber Contest lo scorso anno e gli occhiali Eyeblinded progettati dall’artista designer Stefano Russo.

In esposizioni sedute di vario tipo, lampade, la bicicletta Bestianera di T°Red, gioielli, orologi e altro ancora.

Un percorso che interesserà tutto il piano inferiore della casa museo milanese che da quest’anno punta all’esposizione non solo di opere d’arte, ma anche di design con una particolare attenzione all’innovazione resa possibile dall’uso di nuovi materiali tra cui, rappresenta un’eccellenza, la fibra di carbonio.

 

Fuorisalone 2015 e gli occhiali del futuro di Stefano Russo: Eyeblinds


In occasione del Design Week 2015 Spazio Tadini propone un’esposizione esclusiva sul design in fibra di carbonio e  Stefano Russo, artista e design presenta:  Eyeblinds.

Si tratta di un prototipo di occhiale in carbonio che testimonia la passione di Russo verso i processi percettivi e il loro collegamento con il sistema psicofisico. Eyeblinds sono un anticipo di quanto sarà possibile vedere dal 28 maggio al 13 giugno 2015 a Spazio Tadini con l’esposizione personale di Stefano Russo Pro Lumen- Light Trasmutation che comprenderà proiezioni, installazioni e “armi percettive”.

Eyeblinds sono dotati di una doppia protezione dalla luce che risulti eccessiva e quindi nociva per la nostra salute e di un dispositivo di orientamento basculante con luce direzionale. L’occhio come organo sensoriale e strumento di percezione della luce nel corpo umano sono oggetto della ricerca artistica e filosofica di Stefano Russo  che, nelle sue opere, accompagna il visitatore a fruire della percezione in un modo nuovo e consapevole fino alla ricerca di un equilibrio interiore.