Archivi categoria: MALPENSA

Aeroporto di Malpensa durante Expo 2015: Rosanna Forino in mostra presso la sala lounge Pergolesi


Rosanna Forino durante Expo espone all’aeroporto di Malpensa con una selezione di opere a cura di Melina Scalise e Francesco Tadini.

 

Da giugno ad agosto

 L’artista milanese Rosanna Forino, la prima artista italiana ad aver esposto a Mosca dopo la caduta del muro di Berlino, propone presso la sala Lounge Pergolesi del Club Sea una selezione di suoi lavori degli ultimi anni. Un percorso sull’astrattismo geometrico di un’artista impegnata da anni sia sulla scena artistica milanese che internazionale (vedi storia), accoglierà fino alla fine di luglio, i passeggeri in attesa dei voli internazionali. Nelle stesse sale sono stati esposti, grazie alla collaborazione tra Club Sea e Spazio Tadini diversi artisti italiani contemporanei, ma anche nomi di artisti storicizzati tra i più conosciuti nei mercati internazionali.

L’iniziativa rientra nelle finalità del Club Sea di portare l’arte italiana nelle sale d’attesa dell’aeroporto tanto quanto il design Made in Italy.

Biografia dell’artista

Rosanna Forino vive e lavora tra Milano e la Costa Azzurra; numerose le sue personali in Italia e all’estero. tiene la sua prima personale nel 1972 a Vicenza e da allora le sue opere hanno viaggiato in Italia e nel mondo entrando in collezioni d’arte. Realizza due antologiche una a Milano nel 1979– Palazzo Arengario – e una nel 1990 – Mosca – URSS – Fondazione Culturale Sovietica – Antologica. Partecipa a due Biennali a Pechino 2005 – Pechino – 2° Beijing International Art Biennale China e nel 2013 – Tempo Art Museum – Pechino – Xingshikou Road Beijing city che acquisisce un’opera. Partecipa a numerose collettive

“Il mio modo di guardare il quadro non è puramente istintivo, emotivo, ma razionale, intuitivo; posso capovolgere il quadro, riguardarlo e scoprirlo, questo mi fa vedere altro, mi stimola anche se è un gesto spontaneo, lo ha fatto anche Kandinsky con un suo paesaggio e questo gesto lo ha portato lontano… “

Tra gli altri, hanno scritto di Rosanna Forino:

ALBERTO VECA (2008) “Sono in antagonismo, sia pure concordi nel mettere insieme un’immagine risultante, il tratto del disegno, netto e definito e il tratto disteso della pennellata: in questo caso si vuole sottolineare la registrazione di un tempo della realizzazione, con tutta l’emozione che il percorrere la superficie con un colore determina; in quello l’attenzione è concentrata su quanto viene delineato, una precisione calligrafica rispetto all’immediatezza del gesto. Una felice consonanza di opposti del linguaggio figurativo che in effetti sono antitetici in un ristretto mondo del fare immagine attenta al valore “linguistico” degli elementi che costituiscono l’immagine. L’allusione a una figuratività è costante nel lavoro dell’artista, una meditazione sul “paesaggio”, inteso come esplorazione delle coordinate spaziali in cui l’uomo determina la propria posizione rispetto allo spazio e al tempo, alla propria storia (…)”

FLAMINIO GUALDONI (2001) E’ una sorta di piacere intenso, e per fortuna non segreto, a presiedere la vita d’atelier di Rosanna Forino. Una vita fatta di luci alte, nette, e d’un rapporto di limpida sensuosità con le sostanze coloristiche.
Da sempre, Forino ha scelto per sè, per questi suoi haiku pittorici, il linguaggio della geometria, delle forme prime ? non pure, non ideologicamente stabilizzate: essenziali, piuttosto. Forme che non valgono sagome, bensì la distillazione di gesti formativi. è su questi due punti che può impostarsi una lettura pertinente del suo lavoro, che soprattutto nelle stagioni ultime ha trovato il passo, la souplesse, la pienezza del raggiungimento definitivo. Sono forme prime, perchè non derivano ortopedicamente dal sogno di perfezione plastica che pure molte avanguardie del secolo avevano coltivato. Forino, ha ben notato Dmitrij Sarabianov, scava entro la sensazione naturale: meglio, verrebbe da dire, entro un sentimento del naturale che, in questi anni, è giunto a identificare nell’animo della pittrice lo stream vitale dell’ondeggiare marino, e il mistero meravigliato del variare di sostanza luminosa di mare e cielo, come valore complessivo dell’altro, di ciò che, fuori di noi, ci consente di pensarci. (…)

DMITRIJ SARABIANOV (1989) “Rosanna Forino tende a conciliare i due poli estremi fra cui oscilla la tradizione italiana. Da una parte la matrice rinasci mentale, la più classica rispetto alle scuole europee, il cui ricordo si è mantenuto a lungo nella pittura italiana. Dall’altra il futurismo, uno dei movimenti più innovatori e sovversivi dell’arte mondiale del XX secolo. La Forino è come se modernizzasse la tradizione classica, continuando le ricerche di armonia e bellezza, basandosi sul linguaggio artistico dell’Era contemporanea. Nello stesso tempo, mantenendo le distanze dagli estremismi, prende questo linguaggio da maestri dell’avanguardia come Vasilij Kandinskij e Frantisek Kupka, mostrando chiaramente un trasporto per le tradizioni che si sono venute a creare nel nostro secolo. (…)

Rosanna Forino – tiene la sua prima personale nel 1972 a Vicenza e da allora le sue opere hanno viaggiato in Italia e nel mondo entrando in collezioni d’arte. Realizza due antologiche una a Milano nel 1979– Palazzo Arengario – e una nel 1990 – Mosca – URSS – Fondazione Culturale Sovietica – Antologica. Partecipa a due Biennali a Pechino 2005 – Pechino – 2° Beijing International Art Biennale China-
Partecipa a numerose collettive
.

Aeroporto di Malpensa e arte con Spazio Tadini: Fernando De Filippi e Alessandro Docci in mostra


Per i vacanzieri e non solo, la società Sea ha organizzato, in collaborazione con l’associazione culturale Spazio Tadini di Milano due nuove esposizioni d’arte presso le sale Lounge dell’aeroporto internazionale: la sala Pergolesi e la Monteverdi. Questa volta a testimoniare l’arte del Belpaese sono due artisti milanesi: Fernando De Filippi e Alessandro Docci. Dopo il successo di pubblico della mostra di Rodolfo Guzzoni, Goffredo Radicati di Primeglio e Giuseppe Farina, appena concluse, accoglieranno nelle sale i passeggeri estivi le tele con palme multicolore di Fernando De Filippi e le visioni aeree delle città d’Italia interpretate dalla fantasia di Alessandro Docci.

La collaborazione tra Spazio Tadini e Club Sea nasce nel 2010 con la finalità di promuovere la creatività e l’arte soprattutto Made in Italy. Da allora hanno Spazio Tadini ha esposto 25 artisti (Mario De Leo, Emilio Tadini, Francesco Faravelli, Maria Mulas, Lucio Perna, Paolo Basevi, Lucio Perna, Silvia Battisti, Francesca Magro, Dominguez, Gianfranco Testagrossa, Gabriele Poli, Lorenzo Piemonti, Giovanna Pesenti, Dario Zaffaroni, Giordano Morganti, Paolo Valle, Lazzaro Fornoni, Giorgio Ulivi, Giampaolo Osele, Goffredo Radicati, Giuseppe Farina, Rodolfo Guzzoni tutti visibili con i loro lavori sul sito: www.spaziotadiniatmalpensa.wordpress.com). Lo scalo internazionale dell’aeroporto di Malpensa ogni giorno vede transitare migliaia di passeggeri. Nelle sale Vip del Club Sea i clienti possono godere non solo di una pausa durante il viaggio in un ambiente confortevole, ma anche cogliere l’occasione per conoscere alcuni artisti che vivono nel nostro Paese. Le sale in cui si espone sono attualmente tre: sala Pergolesi, sala Monteverdi, sala Montale. Nasce così l’idea di avviare una collaborazione con l’associazione culturale Spazio Tadini che non è una galleria, ma un luogo di promozione e diffusione delle arti. Presso la sua sede, infatti, in via Jommelli, 24 a Milano, a pochi minuti da Piazzale Loreto, è possibile visitare mostre, vedere spettacoli teatrali, di danza, ascoltare concerti, ma anche seguire dibattiti culturali e seguire workshop e rassegne. Per conoscere le iniziative in corso basta cliccare sul blog di Spazio Tadini.

Fernando De Filippi – Sala Pergolesi

La sala Pergolesi dell’aeroporto che accoglie le opere dell’artista milanese Fernando De Filippi propone una selezione rappresentativa dei lavori realizzati negli ultimi anni. I cicli rappresentati sono: Vento che parli con voce leggera di foglie, Paesaggi tropicaliI quattro elementi, Mithos, Cuba Cuba.

De Filippi non ha mai abbandonato nel tempo il suo gusto per il disegno, per un figurativo che spazia dal racconto della storia, come l’impegno politico e i riferimenti al mito, fino all’esaltazione della natura che si manifesta nella ricerca quasi maniacale del dettaglio. I colori accessi, la vivacità e la ricchezza di espressione hanno sempre contraddistinto il lavoro di De Filippi.

L’artista,  nato a Lecce nel 1940, espone dalla fine degli anni 50, ha insegnato all’accademia di Brera di cui ne è diventato direttore, ha partecipato ad importanti mostre nazionali e internazionali.

 

Alessandro Docci- Sala Monteverdi

Sono esposte una serie di tele che raffigurano diverse città italiane riprese dall’alto, per ognuna delle quali l’artista ha individuato una forma animale. Un lavoro singolare che suscita curiosità e che non poteva trovare collocazione espositiva più idonea che in un aeroporto dal momento che Alessandro Docci ha lavorato su immagini aeree.

Egli ripensa al contesto urbano in chiave ludica e creativa cercando e trovando nell’assetto urbanistico di alcune città una visione immaginaria che restituisce all’abitare umano un riferimento con il mondo animale. La città, nonostante l’apparente lontananza dall’ambiente naturale, assume sembianze che non si discostano da ciò che si conosce in natura. Docci, forte di questa intuizione si trasforma in un cacciatore e, come nelle favole, trova, nella planimetria di ciascuna città, un animale imprigionato per la sua “tavola” in ogni città. Così nella planimetria aerea di Milano scopriamo un’aquila, in quella di Roma una lupa, in quella di Cagliari un passero, in quella di Firenze una cavalletta, in quella di Campobasso un Capriolo e così via.

Alessandro Docci è nato a Desio (MB) nel 1951. Dal 1990 si dedica interamente alla pittura, imponendo il suo talento innovativo e visionario capace di cogliere, nelle piccole cose di ogni giorno, impressioni ricche di inattese sfumature. Ha esposto in musei, strutture pubbliche e conta diverse esposizioni personali e partecipazioni collettive in Italia e all’estero.

Aeroporto di Malpensa e Spazio Tadini: rinnovate le sale Vip del Club Sea con le nuove esposizioni di Rodolfo Guzzoni, Goffredo Radicati e Giuseppe Farina Radicati e Farina


Nuovo anno con opere rinnovate presso le sale Vip della Sea all’aeroporto di Malpensa. In esposizione Guzzoni, Radicati e Farina.

Mostre a cura di Melina Scalise

GIUSEPPE FARINA

RODOLFO GUZZONI

GOFFREDO RADICATI