Coreografia d’Arte Festival: il 27 e 28 novembre in scena Silvia Alfei con la performance ispirata alle opere di Elia Secci e Sara Scalas

MARTEDì 27 ORE 21.45
MERCOLEDI’ 28 ORE 21.30
PERFORMANCE DI SILVIA ALFEI ISPIRATO ALLE OPERE DI ELIA SECCI E SARA SCALAS

Questo slideshow richiede JavaScript.

SILVIA ALFEI SULLO SPETTACOLO PER COREOGRAFIA D’ARTE: “L’idea artistica del Festival Coreografia d’Arte dà l’opportunità di creare un lavoro site specific, di entrare in contatto con artisti di realtà differenti per scoprire affinità reciproche e interlacciare le sensibilità così da poter attraversare insieme un processo creativo. L’ apparente distanza tra le arti è così colmata dall’incontro, dalla condivisione delle idee e dalla collaborazione per riaffermare la correlazione profonda che esiste tra danza, pittura, scultura, musica, video e tutte le forme di espressione creativa. E’ sempre interessante, nell’arte in generale, trovare accostamenti, rimandi, affinità; per questo le contaminazioni risultano spesso la fonte per sperimentazioni e nuove strade percorribili. Coreografia D’Arte spinge ad aprire il proprio lavoro artistico, a integrarlo con quello di un’altro artista fondendo così il corpo in movimento con l’arte visiva. E’ un’occasione interessante per esprimersi, per fare esperienza della proprio lavoro connesso a quello di un’altro, sentire che ci si può portare valore aggiunto vicendevolmente.  E’ la mia prima esperienza in questo Festival e sono molto felice di partecipare e di aver incontrato e conosciuto i due artisti con i quali collaborerò: Elia Secci e Sara Scalas. 

“ Entrare vuota di me. Riempire il movimento attraverso i sensi. Cogliere le sfumature dell’opera divenuta installazione e trasformata in “scena”. Diventare parte dell’opera vivendola dall’interno, facendomi “medium” di sensazioni.  Attraversare il luogo dell’opera per trovarne la danza “. 

ELIA SECCI SULLA PERFOMANCE

“La mente, il pensiero, la memoria, i gesti, l’espressione, i ricordi, passato/presente/futuro, sensazioni interiori profonde che si materializzano attraverso il movimento dell’opera. Focalizzare lo sguardo verso ciò che ci circonda, un ambiente sensibile che si anima all’interno di uno spazio contenuto. Una scatola dove tutto accade. Un luogo dove le cose cambiano, le si percepisce ovunque o soltanto in parte. Il corpo e’ elemento integrante dell’opera, il cui movimento è un’esperienza reale e non rappresentativa. Corpo come “attivattore” del tempo, come parte nascosta di ogni cosa”. Corpo che a sua volta è contenitore di emozioni e sensazioni”.

BREVE BIOGRAFIA: Nato a Cagliari il 23 agosto 1973, si diploma presso l’Accademia di Belle Arti di Brera al corso di pittura, nel 2009. Dal 2009 al 2011 ha svolto l’attivita’ di tutor  nella stessa Accademia presso la cattedra di xilografia. Ha lavorato come grafico e illustratore per alcune case editrici prima a Cagliari, presso la Mediagraf, poi a Milano per la casa editrice Bonella. A Cagliari ha tenuto corsi di pittura presso centri culturali. Talvolta collabora come costumista per spettacoli teatrali e film. Ha partecipato a numerose mostre collettive. Vive e lavora a Milano

SARA SCALAS SULLA PERFOMANCE

Il mio lavoro pur presentandosi di piccole dimensioni e spesso relegato
all’interno di contenitori, non è altro che una moltitudine di ipotesi di
presenze che si articolano, sospese o dispiegate nello spazio, anche con
l’utilizzo di elementi che talvolta enfatizzano o “rispecchiano” ciò che
ci circonda. Questo e’ il motivo per il quale spesso ho prediletto  situazioni in cui differenti forme espressive potessero dialogare insieme. La curiosità’ espressivo-creativa nei confronti di differenti punti di vista, mi ha spinto a collaborare con altri artisti in vari ambiti”.

BREVE BIOGRAFIA:Nata a Sassari l’otto maggio 1972 nel 2000 si diploma all’Accademia di Brera a Milano al corso di decorazione, partecipa al corso di formazione Espressione, comunicazione e stampa, sperimentando tutte le tecniche di stampa e collabora come tutor nell’accademia stessa. Ha collaborato per lungo tempo con l’artista Vincenzo Ferrari, oltre ad occuparsi della realizzazione di libri d’artista. Attualmente svolge la professione d’insegnante di educazione artistica attuando differenti laboratori creativi all’interno della scuola. Vive e lavora a Milano
SILVIA ALFEI biografia:Artista, coreografa e danzatrice, si laurea all’Accademia di Belle Arti di Brera in scenografia e arte visiva. Dopo la formazione in danza contemporanea presso il C.I.M.D (Centro Internazionale Movimento e Danza) di Milano approfondisce gli studi con coreografi Italiani e internazionali tra cui: German Jeuregui Allue (Ultima Vez) (dal 2007 al 2012), Ivan Wolfe, Rut Balbìs (compagnia Pisando Ovos), Laura Aris Alvares, Hervè Diasnas (Ultima Vez), Robert Clark, Dana Ruttenberg, Barbara Toma, Tiziana Arnaboldi, Dominique Dupuy, Franca Ferrari, Franco Reffo e Barbara Geiger (compagnia Nut), Matteo Latino.Si avvicina alla pratica di alcune discipline orientali: Thai Chi Chuan e Yoga. Intraprende una ricerca coreografica personale associata a molteplici linguaggi legati alle arti performative: video-danza, fotografia, pittura, poesia, sperimentazione musicale. È fondatrice del progetto Dual Lyd, insieme al musicista e compositore Andrea Viti. Nel 2011 è finalista al Premio Giovane Danza d’Autore della Lombardia con il progetto in solo “A(in-rewind)”. Ha avuto l’opportunità di danzare per: Roberto Castello, Barbara Toma, Robert Clark, Compagnia Moto Perpetuo, Franca Ferrari e per gli artisti: Mettew Stone, Sabina Grasso. Giovanni Franzoi, Giovanni Pitchered, Perypezye urbane Media Collective. Ha collaborato con diversi musicisti tra cui: Andrea Viti, Mell Morcone, Sursumcorda (ensamble), Fabio Federico Gallarati, Sebastiano De Gennaro. Ha presentato i suoi lavori in diversi Festival tra cui: Exister/rete Anticorpi XL, Rassegna INSIDE/OFF Torino, Festival DaTo, Solo in Azione, La Piattaforma, Festival di danza urbana Non Solo in Azione. Nel 2012 viene invitata a collaborare come autrice dall’Associazione Aldes alla direzione artistica  di Roberto Castello. E’ attiva nel progetto di co-working S28dancefactory per l’ideazione di progetti  culturali. Attualmente lavora a personali produzioni coreografiche presentando le sue creazioni in festival e rassegne di danza contemporanea e arti performative inoltre si occupa di musica e negli ultimi anni si è avvicinata al canto ed alla composizione. Vive e lavora a Milano.

1 commento su “Coreografia d’Arte Festival: il 27 e 28 novembre in scena Silvia Alfei con la performance ispirata alle opere di Elia Secci e Sara Scalas”

I commenti sono chiusi.