23 maggio 2012 Festa del libro: a Milano a Spazio Tadini serata d’arte con “NONSOLOLIBRERIE” in mostre libri e carte d’artista

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il 23 maggio 2012,

in occasione della Festa del Libro indetta dal Ministero,

Spazio Tadini organizza a Milano

“NONSOLOLIBRERIE “

MOSTRA DEL LIBRO D’ARTISTA

 A cura di Alessandra Lucia Coruzzi

Mercoledì 23  Maggio 2012

 Ore 18.30 via Niccolò Jommelli, 24

INGRESSO GRATUITO

 Il comunicato del Ministero recita così: “ I libri sbocciano in maggio. Perchè se in questo mese la natura si risveglia, lo stesso capita alla voglia di leggere. Leggere fa crescere: è questo lo spirito de Il Maggio dei Libri, la campagna nazionale nata nel 2011 con l’obiettivo di sottolineare il valore sociale della lettura come elemento chiave della crescita personale, culturale e civile.”

 Ebbene a Milano, il mese dedicato ai libri, ha visto protagoniste principalmente le librerie con una serie di eventi dedicati alla lettura, ma Spazio Tadini ritiene che il libro non sia solo uno strumento conoscitivo, ma anche un oggetto di uso quotidiano che assume significati diversi. Quante volte un libro diventa un accompagnamento di una vita intera, un feticcio, un riferimento, un ricordo, un’emozione e, in qualche caso, diventa opera d’arte. Per questa ragione il critico Alessandra Coruzzi ha selezionato due artisti per cui il libro è diventato soggetto del loro lavoro di ricerca.

“La rassegna propone due artisti che da tempo sono impegnati in un percorso  legato alla ricognizione dell’opera creativa attraverso il testo, la valenza della grafia calligrafica, del valore dei contenuti e della forma – spiega Alessandra Coruzzi -. Nel corso della serata si lancia, attraverso le opere espresse con diverse tecniche e differenti linguaggi  artistici, un messaggio di consapevolezza e di adesione al valore di arricchimento del libro e dell’arte. Gli artisti selezionati sono Giorgio Ulivi e Lorenzo Perrone”.

 L’esposizione dei loro lavori è accolta nell’ambito  della mostra in corso a Spazio Tadini dal titolo “Abbracci” di Elena Cirella, artista vivace e che affronta visioni  di profondo impegno sociale per mezzo  di un  percorso di opere dai soggetti  toccanti che stimolano approfondimenti  testuali, di lettura dell’uomo e della storia,  attraverso forti esplosioni cromatiche.

 Giorgio Ulivi presenta opere creative e testuali in affinità con il pensiero intellettuale del poeta Carlos Franqui. Dal 1960 percorre una ricerca puntuale e segnata da mutamenti analitici ritmati nel tempo, sulla grafia e il rapporto tra il segno e lo spazio. “Le tematiche della sua produzione, rispecchiano ricerche di impronta testuale – scrive Coruzzi – con mezzi raccolti da richiami calligrafici, percorsi trascritti attraverso ricordi documentali, estrazioni  di campi cromatici strappati dal tempo e dal testo  già scritto.

Il percorso artistico  e la stilistica sono anche da leggere in riferimento alle poetiche di Carlos Franqui,  poeta rivoluzionario cubano e alle particolari ricerche di Mirò”.

Lorenzo Perrone propone al pubblico la ricerca dei “Libri Bianchi “ nati da veri libri antichi e contemporanei. “Essi celano contenuti dimenticati  ora da riscrivere – scrive Coruzzi. Le sue opere aderenti alla purezza del bianco adeso alle pagine incamottate  dei “libri veri “, sono una risposta  alla sintesi estrema del colore, alla ricerca della forza della luce e di un nuovo racconto, dove il soggetto  letterario, privo di legami col testo celato, è proiettato dall’osservatore attraverso un contesto  immaginifico”.

Tra le opere esposte :

Libri d’arte e di pregio come l’opera artistica di Giorgio Ulivi  “Tatuaggi dell’anima” o cartelle di percorsi in opere cartacee con un gruppo di lavori da  “Biografia immaginaria “ per soddisfare gli interessi di esigenti collezionisti.

Sculture  “Libri bianchi “ di Lorenzo Perrone, che traspongono  chiari messaggi  critici . Troviamo tra  i soggetti delle sue opere anche  : “omaggio  a Montanelli” ,”J’ACCUSE – omaggio a Saviano”,”Raccolta indifferenziata”, ”ma fille “ , “leggimi Forte “, “ANNA P. (in memoria di Anna Politkovskaja)”.