Archivi categoria: MUSICA

Monteverdi e la musica contemporanea – Risvegli di città


concerto 20 ottobre SIMCLa Società Italiana di Musica Contemporanea (SIMC), in collaborazione con Centro di Musica Contemporanea di Milano (CMC),  presenta il 20 ottobre alle ore 17 presso la Casa Museo Spazio Tadini, un nuovo appuntamento musicale della rassegna Risvegli di Città a con Monteverdi e la musica contemporanea – brani selezionati della Call indetta da Simc nel 450° anniversario della nascita di Claudio Monteverdi. (ingresso con offerta libera)

Musiche di: Angelo Bruzzese, Jacopo Aliboni, Paolo Rosato, Ruben Antonyan, Paolo Ricci, Dario Peluco, Francesco Schweizer, P. Alessandro Polito, Francesco Vitucci.

Maurizio Barbetti viola

Akiko Kozato canto

Francesco Cuoghi Chitarra

Carla Savoldi flauto

Andrea Cavuoto Violoncello

Paolo Ricci direzione

www.simc-italia.com

Rassegna musicale: Risvegli di città


Casa Museo Spazio Tadini rinnova la sua proposta musicale per la città di Milano grazie alla collaborazione con SIMC, la società italiana di musica contemporanea con sede a Parma presieduta da Andrea Talmelli. Apre la stagione espositiva con un concerto di ben 13 giovani compositori: Carla Rebora, Umberto Bombardelli, Luca Cori, Andreina Costantini, Paolo Germiniani, Elisabetta Capurso, Ada Gentile, Amanuela Ballio, Carla Magnan, Giuseppe Colardo, Rossano Pinelli, Sonia Bo, Giovanni Grosskopf. L’esecuzione con violini, clarinetti, basso e chitarra è di New MADE Ensemble in residenza al Centro di Musica Contemporanea di Milano: Raphael Negri, violino, Raffaele Bertolini (clarinetto basso), Leopoldo Saracino (chitarra).

19settembre

Il primo concerto della rassegna Risvegli di città si terrà il 19 settembre alle ore 17 con ingresso a offerta libera (si consiglia la prenotazione). Con il concerto si apre anche la stagione espositiva della casa museo alle ore 18.30 con l’apertura al pubblico di quattro mostre di fotografia Photo Milano (gruppo di 90 fotografi con scatti tutti dedicati alla città di Milano) e le personali di Fantozzi, Carnisio e Bassanini  per Milano negli anni 60 e la fotografia di reportage e la personale di pittura di Andrea Gnocchi #Instacity.

La rassegna Risvegli di Città prevede un ciclo di altri appuntamenti musicali sempre alla Casa Museo Spazio Tadini il 20 ottobre e gli altri due concerti al Museo del Novecento.

locandina primo ciclo

 

Discomusic ed EDM ne parlano Luca Pollini e Francesco Basile


Musica: generazioni a confronto

DALLA DISCOMUSIC All’EDM

 

 

 

 

 

Luca Pollini dialoga con Francesco Basile

12 maggio ore 18,30 Casa Museo Spazio Tadini 

Via Niccolò Jommelli, 24 Milano

Voi della generazione anni 70/80 cosa capite della musica dei vostri figli? E i nostri figli cosa hanno recepito del linguaggio musicale di quegli anni? La musica è sempre stata un elemento di comunicazione e aggregazione che ha segnato il passo dei cambi generazionali. Quali sono le nuove prospettive?

Ci parleranno di questi temi Luca Pollini, giornalista ed esperto di musica e un giovane dj Kroserz, Francesco Basile.

La premessa di Luca Pollini

RIBELLI IN DISCOTECA

 

Come una generazione allo sbando si rifugiò nella musica Disco

Raccontare la Discomusic e quello che ha contribuito a creare: questo è lo scopo della lecture che sviscera e seziona il periodo in cui la musica disco conquistò il mondo, andando oltre il semplice ascolto del brano di successo o la facile nostalgia dei tempi che furono.

Nel Travoltismo italiano di fine anni Settanta si vede un fenomeno di disimpegno sociale che allontana i giovani dalla cultura e dalla partecipazione di massa per portarli al qualunquismo, tanto che i politici lo bollano come «tomba dell’impegno politico giovanile». In effetti, quello è il periodo in cui lo spirito del Sessantotto è definitivamente abbandonato: i giovani non sognano più la rivoluzione ma solo di essere felici. E così che in Italia nella seconda metà degli anni Settanta chiede al fenomeno Disco solo un’occasione per evadere. La discomusic sarà stata un’arte “minore” e le discoteche un luogo di “evasione”, ma sono riuscite a fare da tampone alle tensioni sociali, stemperando le rabbie e le insoddisfazioni politiche accumulate nel decennio precedente dai giovani, restituendo energia e fiducia a una generazione che stava paurosamente sbandando.

Luca Pollini, milanese, è cresciuto nella Milano degli anni Settanta. Studioso di costume, all’attività di giornalista unisce quella di saggista e autore. Ha pubblicato, tra gli altri, I Settanta, gli anni che cambiarono l’Italia; Gli Ottanta, l’Italia tra evasione e illusione; Musica leggera. Anni di piombo; Amore e rivolta a tempo di rock; Ribelli in discoteca; Immortali, storia e gloria di oggetti leggendari. Per il teatro ha scritto gli spettacoli Hippie, a volte tornano e Ci hanno rubato la parola amore. Collabora con mensili e quotidiani, si occupa di storia contemporanea.
Crede nel rock e rimpiange il Parco Lambro (inteso come Festival).

 

La premessa di Francesco Basile

LA MUSICA DEI VENTENNI

BOUNCE GENERATION

Più musica meno parole, più festival e meno guerre

Musica elettronica, musica da ballare, musica da discoteca o da festival: semplicemente EDM (Electronic Dance Music). È questo il gigantesco raccoglitore che unisce l’immensa moltitudine di generi di musica elettronica nati e risorti sotto altre forme, in un velocissimo processo iniziato con la disco anni ’70. È una musica non solo ascoltata da una gran parte dei giovani, ma anche, da molti di questi, mixata e prodotta grazie alle nuove tecnologie sempre più accessibili a tutti. Dal club agli immensi festival, dal vinile alla chiavetta, dalle rockstar sui giornali ai dj produttori su tutti i social. Questo è il mondo in cui i giovani del nuovo millennio si esprimono e si identificano, questo è il mondo dell’elettronica. La musica dei ventenni è ricca di bassi e molto percussiva, l’importanza delle parole viene soppiantata dal ruolo delle basse frequenze, il ritornello diventa drop e il battito di cassa diventa il ritmo del movimento collettivo.

Francesco Basile (Kroserz)

Conseguita la qualifica di dj presso Recreative 12.0 a Milano a 17 anni da tre suona e produce e organizza eventi a Milano.

 

L’ultimo saluto a Luigi Pestalozza


In una sala gremita di gente al cimitero di Lambrate in questo sabato assolato è stato dato l’ultimo saluto a Luigi Pestalozza. Presenti l’assessore Del Corno a nome dell’amministrazione comunale, i rappresentanti dell’Anpi, tanti amici, tantissimi musicisti. Letto un ricordo del suo caro amico Giorgio Napolitano. Un saluto commosso e sentito non solo dal figlio e dai famigliari. Si sono susseguiti interventi per più di un’ora e mezza e altri ce ne sarebbe stati per non lasciarlo andar via. Ma così è stato. A Spazio Tadini lui diceva di sentirsi “a casa” e ci disse che per il 2018 voleva organizzare ancora un paio di concerti qui da noi perchè era come stare in famiglia. Ed era vero.

Ci ha regalato momenti di musica indimenticabili, ma ci è stato vicino anche come amico, come un padre, a me e Francesco insieme alla sua adorata Miki. L’ultimo concerto lo ha presentato da noi. La rassegna Musica Lontana? E’ stata l’ultimo suo impegno finalizzato a guardare oltre i confini, alla scoperta di suoni e suggestioni per sfuggire, come sempre ha voluto, a qualsiasi forma di conformismo che non fosse quello della difesa della democrazia e dei diritti civili, a suo modo, con le sue scelte di campo. All’ultimo appuntamento il 15 dicembre 2016 con ospiti i musicisti lapponi non ce l’ha fatta a venire di persona. Fortemente debilitato ha tuttavia trovato ancora una volta il modo per esserci, per telefono e tramite un video girato velocemente, in extremis,  da uno dei musicisti che lo hanno aiutato nell’organizzazione. Noi ringraziamo per questo video che oggi abbiamo deciso di pubblicare per ricordarlo così come avrebbe voluto, pronto a salire su un palcoscenico a parlare di musica e società per sempre.

La sua lucidità di analisi, l’instancabile bisogno vitale di poter essere sempre vigile e partecipe al mondo sono un esempio per tutti. Caro Luigi  così sei meno lontano.

Grazie

Melina Scalise e Francesco Tadini, fondatori di Spazio Tadini

Musica Lontana? A Spazio Tadini musica lappone


Il 15 dicembre arriva a Milano dalla Lapponia non Babbo Natale, ma la straordinaria chitarra e voce di due artisti internazionali per la rassegna Musica Lontana? a cura del musicologo Luigi Pestalozza: Patrik Kleemola e Wimme Saari.

Rassegna Musica Lontana? 15 dicembre 2016 ore 20 Spazio Tadini via Jommelli, 24

PATROCINI Fondazione Cariplo, FOndazione musicale Umberto Micheli, Mariucci Rognoni

Un appuntamento da non perdere per questa ultima tappa di concerti che ha visto diversi concerti in città tra l’auditorium Di Vittorio, la Sala Puccini del Conservatorio e Spazio Tadini realizzata dall’associazione amici musica/realtà.

Patrik Kleemola è uno dei più promettenti chitarristi finlandesi. Ha vinto il festival di chitarra  “Takemitsu” International Guitar Competition nel 2004 e altri premi come la gara internazionale di chitarra Gargnano. Oggi suona in tutto il mondo e compone. Il suo repertorio va dalla musica italiana del sedicesimo secolo fino al contemporaneo.

Winne, finlandese è uno dei più noti Sami yoikers della Finlandia . Egli unisce canto tradizionale lappone con improvvisazioni, di solito è accompagnato dal gruppo di musica elettronica RinneRadio . Wimme è apparso anche negli album di altre band o musicisti, per esempio Hedningarna , lendini o Hector Zazou .

CONCERTO DI MUSICA POPOLARE ED ETNICA 30 APRILE 2016 A SPAZIO TADINI


Sonorità etniche multiculturali in un appuntamento con la musica da non perdere

30 aprile 2016 ore 20 Spazio Tadini via Jommelli, 24

TRIO OIKOS

Mario De Leo: Chitarra e voce
Ashanka Sen: Sitar
Cristiano Costanzo: Cajon

 

Il pittore e cantautore Mario De Leo,  l’autore del repertorio musicale, è da sempre attento interprete della tradizione popolare.

Negli anni recenti ha condotto la sua musica attraverso varie sperimentazioni: da quella elettronica, con Riccardo Sinigaglia, a quella acustica.

Ultimamente con la conoscenza del Maestro ASHANKA SEN, virtuoso suonatore di sitar, De Leo ha cercato di fondere le sonorità ancestrali insite nello strumento per arricchire le sue composizioni, dove i suoni e i ritmi ben si dilatano negli spazi mentali tra esotismo e spiritualità.
Il concerto è un viaggio nelle sonorità etniche – culturali per un risveglio a Oriente dei pensieri e della coscienza.

I brani che presenta con il Trio Oikos, vanno dal canto d’amore a sfondo religioso, al brano che introduce una intensa storia di giovani amanti che fondono e accendono i loro corpi per un attimo come luminose comete.
In altre ballate esprime il supremo bisogno di armonia, esaltando la bellezza eterna della natura, senza tralasciare momenti anche drammatici della vita dove alcuni pescatori non fanno più ritorno dal mare.

Tutto il concerto si svolge con momenti di grande vivacità ritmica come il brano che porta il titolo “Zinnannà” , e momenti di riflessione con il canto che descrive i ritmi pesanti del lavoro del contadino, fino a sfociare di nuovo con l’intenso brano “La Macchietta”.

“Quante persone possono dire di avere conosciuto un cantastorie? E quanti fra costoro possono dire di sapere riconoscere un cantastorie? Io, ritengo immodestamente di essere fra coloro che percepiscono un autentico cantastorie con il vibrante intuito di un rabdomante. Per molti anni mi sono occupato di musica tradizionale, non come studioso, ma con la passione di un viaggiatore amatoriale e il tratto ossessivo di un pusher che ha l’impellente urgenza di “spacciare” la merce che ha conosciuto ad altri perché ne possano godere. In questo senso l’incontro con Mario De Leo è stato uno dei più emozionanti della mia vita. Sentirlo cantare i suoi canti è stata un’esperienza intensa che mi ha permesso di accedere alla profondità di una cultura antica, quella della potente radice contadina del nostro migliore Sud.
Mario ha un volto singolarissimo in cui si fondono la forza del soma popolare e la bellezza di un mosaico bizantino.
La sua voce ha una pasta calda ricca di risonanze e l’insieme di melodia, ritmo e parole delle sue canzoni sono senza mediazioni arte epica del mondo contadino che si proietta all’infinito nel futuro.(…)”

Moni Ovadia

CONCERTI A MILANO: MUSICA LONTANA? due appuntamenti con la classica a Spazio Tadini a cura di Pestalozza


 19 aprile 2016 ore 18

PER LA RASSEGNA: MUSICA LONTANA?

 Il pianista e il suo doppio

A cura di Luigi Pestalozza per l’associazione Amici Musica Realtà

alberti pianista musicarealta
Alfonso Alberti e Anna D’Errico

di Luigi Pestalozza

“Due pianisti di prim’ordine per bravura e intelligenza ma soprattutto per modo di intendere il pianismo. Alfonso Alberti ormai noto non soltanto in Italia, è sempre propositivo con il suo pensare. Il suo approccio è fuori dal concertismo dominante, anzi in antitesi a esso. Anna D’Errico è altrettanto estranea al  conformismo concertistico, interessata a fare un uso conoscitivo, rivelatore, del pianoforte, che, in questa occasione suonano insieme, un solo pianoforte, una dopo l’altro o l’altra dopo l’uno, gli stessi cinque autori e relativi pezzi in programma. L’obiettivo non è certo esibire le rispettive bravure, ma per  riconduzione alla verità  da sempre non casualmente taciuta, una questione precisa, importante, che non riguarda soltanto il pianoforte, ma da sempre tutta la musica.

La questione è di strutturale importanza per la resa del vero musicale della musica comunque e qualunque sia, cioè l’esecuzione.  I due pianisti portano al centro del tardo pomeriggio un dialogo concertistico.  Proprio perché Alberti, come sapete, e’ bravissimo a parlare tanto quanto la D’Errico, di autore in autore e di pezzo in pezzo parleranno rapidamente fra loro e con chi dei presenti in sala volesse intervenire, per spiegare e chiarire perché l’esecuzione è da sempre importante per la riconduzione al suo vero della musica eseguita, per cui però proprio per questo è stata sempre  e per nulla casualmente manipolata dal concertismo (anche dell’operismo) dominante, per cui i due pianisti davvero non casualmente propongono un programma ben significativo che va dall’Ottocento a oggi, attraverso (fra l’altro) compositori e lavori principali.

BRAHMS, BERG, SCHUBERT, DEBUSSY, KURTAG, ovvero  5 compositori, ciascuno con un suo pezzo, con al centro la questione  dell’esecuzione decisiva per rendere il vero di un pezzo, di un compositore, o per manipolarlo.

Un pomeriggio dunque di  intrattenimento, di grande musica, di riconduzione di essa al vero, ma anche una grande opportunità di riflessione sull’esecuzione ’e su cosa è stata la sua emarginazione dal sapere musicale. Un’occasione per riportare  anticonformisticamente la musica alla musica, smascherando una storia di manipolazione organizzata dell’esecuzione. Chi ascolta assisterà a uno straordinario, insolito, e divertete uso del pianoforte e del rapporto che si instaura tra lì’esecutore e l’ascoltatore  capace di far capire finalmente schuberte come Kurtag, Brahms come Debussy, come Berg, in sostanza  come tutti la musica di ieri e ovviamente di domani sottratta in un incontro che non a caso è ospitato a Spazio Tadini che, riconduce la musica, la sua esecuzione a se stessa”. 

 

 15 DICEMBRE ORE 20

Finlandia, Lapponia

a cura di Luigi Pestalozza 

“Musiche della Finlandia, Lapponia compresa, mai uscite dal paese, per la prima volta non solo in Italia, non solo a Milano, non  caso allo Spazio Tadini dove il nuovo assoluto nel campo delle arti è un fatto propositivo davvero quotidiano, unico. Questa volta un incontro scandito in un due tempi, con due musicisti testimoni di come in Finlandia si faccia musica a sé, a cominciare da quella di Wimme Saari, voce sola, che porta con sé canti suoi ma nati in Lapponia, cioè nel Nord glaciale della Finlandia, dove ambientalmente, geograficamente trattandosi in pratica del Polo Nord, prevale il ghiaccio che da secoli ha determinato in maniera significativa il vivere, pensare, comportarsi quotidianamente, della popolazione, lo stesso modo di camminare di tutti gli abitanti, per cui è cresciuta nei secoli una del tutto particolare antropologia culturale, per cui nei suoi canti, nel suo modo di cantare per come li ha inventati, Wimme Saari è straordinario, coinvolgente, stimolante perché infine fa scoprire una vocalità impensata, do cui è eccezionale testimone. Per così dire, per chi ascolta, per come anche, poi, su domande del pubblico, dirà, spiegherà, una scoperta di come la musica nasce e si forma, nel mondo, in maniera sempre propria, secondo la parte di mondo in cui nasce, sempre diversa, diversamente propositiva, che merita ascoltare. Come, senza dubbio alcuno, nel caso tanto eccezionale quanto straordinario per la sua diversità, per come propone non secondariamente un Finlandia musicalmente poliforme dove non a caso c’è stato Sibelius, quello vero che affondava la sua musica strumentale e vocale, nella sua vera Finlandia, Lapponia compresa.

Salvo che Wimme Saari è la seconda parte dell’incontro, lo conclude come dovuto, come si capirà, cone lo spiegherà lo stesso Aldo Brizzi che lo condurrà. La prima parte, infatti essendo affidata al chitarrista con elettronica Patrik Klemola, che esegue con strepitoso uso tutto proprio, innovativo, della chitarra  anche elettronicamente portata a fisionomie sonore impensate, ovvero fa conoscere nove compositori finlandesi viventi, anch’essi mai usciti dalla Finlandia: anche perché –dunque in sintonia  con Wimme Saari che lo segue-, si tratta di lavori musicli radicati come all’ascolto si capisce con piacere, nella fisionomia musicale delle diverse culture musicli popolri che stanno in Finlndia. Dunque anche qui una Finlndia musicalmente inedita, separata dal resto dell’Europa, come appunto è stato il vero Sibelius che anche qui sta sullo sfondo ovvero appartiene a quello che il 15 dicembre allo Spazio Tadini, in collaborazione sempre convincente con esso, l’AAM/R fa conoscere, scoprire, in dialettica diversità dal concertismo, salvo eccezioni a Milano scaligere comprese, dominante.

Insomma un incontro musicale che sta bene, in maniera precisamente giusta, allo Spazio Tadini: con  la soddisfazione, come sempre convinta e grata, di Luigi Pestalozza che ora firma”.

Luigi Pestalozza

 

Bob Dylan, Van De Sfroos tra psicanalisi musica e strane coincidenze


insieme foto

Pink Freud. Psicoanalisi della canzone d’autore da Bob Dylan a Van De Sfroos” (Mimesis edizioni): una presentazione e un dialogo attorno ad un libro insoliti, che, come in un giallo, ha delle parti a sorpresa … ma non nel testo scritto, bensì in quello che potrebbe svelarsi in sala … Continua a leggere Bob Dylan, Van De Sfroos tra psicanalisi musica e strane coincidenze