Archivi categoria: musica 2017

Monteverdi e la musica contemporanea – Risvegli di città


concerto 20 ottobre SIMCLa Società Italiana di Musica Contemporanea (SIMC), in collaborazione con Centro di Musica Contemporanea di Milano (CMC),  presenta il 20 ottobre alle ore 17 presso la Casa Museo Spazio Tadini, un nuovo appuntamento musicale della rassegna Risvegli di Città a con Monteverdi e la musica contemporanea – brani selezionati della Call indetta da Simc nel 450° anniversario della nascita di Claudio Monteverdi. (ingresso con offerta libera)

Musiche di: Angelo Bruzzese, Jacopo Aliboni, Paolo Rosato, Ruben Antonyan, Paolo Ricci, Dario Peluco, Francesco Schweizer, P. Alessandro Polito, Francesco Vitucci.

Maurizio Barbetti viola

Akiko Kozato canto

Francesco Cuoghi Chitarra

Carla Savoldi flauto

Andrea Cavuoto Violoncello

Paolo Ricci direzione

www.simc-italia.com

Discomusic ed EDM ne parlano Luca Pollini e Francesco Basile


Musica: generazioni a confronto

DALLA DISCOMUSIC All’EDM

 

 

 

 

 

Luca Pollini dialoga con Francesco Basile

12 maggio ore 18,30 Casa Museo Spazio Tadini 

Via Niccolò Jommelli, 24 Milano

Voi della generazione anni 70/80 cosa capite della musica dei vostri figli? E i nostri figli cosa hanno recepito del linguaggio musicale di quegli anni? La musica è sempre stata un elemento di comunicazione e aggregazione che ha segnato il passo dei cambi generazionali. Quali sono le nuove prospettive?

Ci parleranno di questi temi Luca Pollini, giornalista ed esperto di musica e un giovane dj Kroserz, Francesco Basile.

La premessa di Luca Pollini

RIBELLI IN DISCOTECA

 

Come una generazione allo sbando si rifugiò nella musica Disco

Raccontare la Discomusic e quello che ha contribuito a creare: questo è lo scopo della lecture che sviscera e seziona il periodo in cui la musica disco conquistò il mondo, andando oltre il semplice ascolto del brano di successo o la facile nostalgia dei tempi che furono.

Nel Travoltismo italiano di fine anni Settanta si vede un fenomeno di disimpegno sociale che allontana i giovani dalla cultura e dalla partecipazione di massa per portarli al qualunquismo, tanto che i politici lo bollano come «tomba dell’impegno politico giovanile». In effetti, quello è il periodo in cui lo spirito del Sessantotto è definitivamente abbandonato: i giovani non sognano più la rivoluzione ma solo di essere felici. E così che in Italia nella seconda metà degli anni Settanta chiede al fenomeno Disco solo un’occasione per evadere. La discomusic sarà stata un’arte “minore” e le discoteche un luogo di “evasione”, ma sono riuscite a fare da tampone alle tensioni sociali, stemperando le rabbie e le insoddisfazioni politiche accumulate nel decennio precedente dai giovani, restituendo energia e fiducia a una generazione che stava paurosamente sbandando.

Luca Pollini, milanese, è cresciuto nella Milano degli anni Settanta. Studioso di costume, all’attività di giornalista unisce quella di saggista e autore. Ha pubblicato, tra gli altri, I Settanta, gli anni che cambiarono l’Italia; Gli Ottanta, l’Italia tra evasione e illusione; Musica leggera. Anni di piombo; Amore e rivolta a tempo di rock; Ribelli in discoteca; Immortali, storia e gloria di oggetti leggendari. Per il teatro ha scritto gli spettacoli Hippie, a volte tornano e Ci hanno rubato la parola amore. Collabora con mensili e quotidiani, si occupa di storia contemporanea.
Crede nel rock e rimpiange il Parco Lambro (inteso come Festival).

 

La premessa di Francesco Basile

LA MUSICA DEI VENTENNI

BOUNCE GENERATION

Più musica meno parole, più festival e meno guerre

Musica elettronica, musica da ballare, musica da discoteca o da festival: semplicemente EDM (Electronic Dance Music). È questo il gigantesco raccoglitore che unisce l’immensa moltitudine di generi di musica elettronica nati e risorti sotto altre forme, in un velocissimo processo iniziato con la disco anni ’70. È una musica non solo ascoltata da una gran parte dei giovani, ma anche, da molti di questi, mixata e prodotta grazie alle nuove tecnologie sempre più accessibili a tutti. Dal club agli immensi festival, dal vinile alla chiavetta, dalle rockstar sui giornali ai dj produttori su tutti i social. Questo è il mondo in cui i giovani del nuovo millennio si esprimono e si identificano, questo è il mondo dell’elettronica. La musica dei ventenni è ricca di bassi e molto percussiva, l’importanza delle parole viene soppiantata dal ruolo delle basse frequenze, il ritornello diventa drop e il battito di cassa diventa il ritmo del movimento collettivo.

Francesco Basile (Kroserz)

Conseguita la qualifica di dj presso Recreative 12.0 a Milano a 17 anni da tre suona e produce e organizza eventi a Milano.