Danza Milano Coreografia D’Arte: Alighiero e Boetti in Insicuro Noncurante interpretato da Acquasumarte 30 novembre e 1 dicembre

A Spazio Tadini

Sabato 30 novembre alle ore 21,30

Domenica 1 dicembre  alle ore 17.30

La compagnia Acquasumarte presenta per il Festival Coreografia d’Arte Le felici coincidenze, spettacolo di teatrodanza. In collaborazione con la Fondazione Alighiero Boetti.

Le felici coincidenze

Studio teatrale su “Insicuro Noncurante” di Alighiero e Boetti.

Capita di avere incontri inattesi, apparentemente casuali. Accade che si colgano sotterranee affinità tra oggetti ed eventi radicalmente differenti. Qualche volta, si ha l’impressione che una trama inspiegabile, eppure molto reale, disponga il corso della nostra vita. Delle felici coincidenze ci hanno fatto scoprire la cartella originale di “Insicuro Noncurante” ed incontrare Rinaldo Rossi, l’editore che dal 1972 ha lavorato con Alighiero Boetti alla preparazione delle 81 tavole che compongono l’opera e che con lui ha condiviso tanta arte e tanta vita. Ci siamo immersi in un rarefatto labirinto di numeri e figure, cercando di decifrarne i rebus, di coglierne le corrispondenze e risonanze. Abbiamo scoperto di avere un’affinità elettiva con quel mondo di geometrie dai molteplici sensi. Non tutto si spiega: è forse il modo più autentico d’indicare la magia.

“Ci sono cinque sensi e il sesto è il pensiero ovvero la cosa più straordinaria che l’uomo possieda, e che non ha niente a che vedere con la natura. Per cui se devo dire quali sono state le grandi emozioni della mia vita, confesso che non sono state di ordine naturale. Una farfalla, un tramonto, possono essere cose bellissime, però le grandi emozioni, secondo me, si provano ascoltando Mozart, leggendo una poesia, perché c’è un pensiero fatto di mille coincidenze, sincronismi, ricordi quasi biologici forse di tempi antichissimi in cui eravamo un’altra cosa e forse non eravamo neanche sulla terra. Insomma, di quando eravamo forse più vicini agli dei”.    A. e B.

Presentazione compagnia ACQUASUMARTE

acquasumARTE è: Maurizio Capisani, Francesco Cimino, Sabrina Conte, Sonia Conte. Il gruppo artistico produce e realizza performance di teatro sperimentale, teatro danza, eventi site-specific e progetti media-interattivi. Ha sede a Milano. Fondata nel 2008, ha gestito sino al 2012 uno spazio culturale a Pavia, dove ha dato vita ad una “factory” artistica e svolto un’intensa attività di produzione. Nel 2011 ha vinto il bando di Fondazione Cariplo “Avvicinare nuovo pubblico alla cultura” con un progetto di arte urbana. Nel 2013 ha ideato e realizzato a Milano Ocamarziana, un progetto artistico multidisciplinare per le Officine Creative Ansaldo. Ad oggi ha prodotto e realizzato: Crossing Memory O.C.A. (percorso multimediale per singolo spettatore – 2013), Metropolitan Requiem (teatro di innovazione – 2012), Memory Play (installazione artistica & performance – 2012), The Cage (installazione con percorso multimediale audio-visivo per singolo spettatore – 2012), Così parlano i colpevoli (evento letterario – 2012), INCURSIONI D’[a-m]ARTE (incursioni artistiche urbane – 2011), Bisanzio (teatro di innovazione – 2010), Madrigale 1.0 (performance site-specific – 2009), Not Now (performances multidisciplinari di creazione istantanea – 2009).

Poetica/estetica

Il teatro di acquasumARTE è un teatro visivo e d’azione, nel quale l’ideazione dell’impianto narrativo deriva dalle scelte ritmiche e compositive. Un teatro fisico nel quale il rarefatto uso della parola, l’orchestrazione dei movimenti d’insieme e l’estrema cura dei dettagli, creano una struttura antinaturalistica e polisemica. Il gruppo sta sperimentando inoltre le possibilità dei lettori multimediali di ultima generazione nel campo della performance artistica, rendendo la loro applicazione funzionale alla propria poetica. Si tratta di progetti site-specific da riscrivere ogni volta a partire dai luoghi in cui vengono realizzati.