Francesco Tadini – Giornata Mondiale del Teatro 2013: 12 compagnie teatrali a Spazio Tadini

Mercoledì 27 marzo 2013

, dalle ore 20, a Spazio Tadini si celebra e festeggia la Giornata Mondiale del Teatro. Dodici, tra compagnie e singoli artisti, hanno voluto dare vita a un’idea di Federicapaola Capecchi – coreografa e responsabile Danza, Teatro e Musica dell’Associazione – che renderà questa giornata di festa un gioco e al tempo stesso una provocazione. Martino Corti | Cimice Records, Marco De Meo | Elektromove Animation Theatre, Compagnia dei Transiti | Soraya Perez, Edy Quaggio, FORMALIBERA | Tony D’Agruma, Elisa Bottiglieri, Ass. Culturale La Prima Pietra | Emmanuele Tremolada, acquasumARTE, La Fabbrica del Clown | Angela Pascalino, Stefania Carcupino, Eugenio Righini, Paolo Dei Giudici, Stefania Carcupino, Daniele Vettorello, Ombra e il Poeta, OpificioTrame

Giornata Mondiale del Teatro a Spazio Tadini-martino-corti
Martino Corti, Cimice Records

La serata è introdotta dal cantautore milanese Martino Corti | Cimice Records, talmente affezzionato alla lettera “Crepino gli artisti” di Federicapaola Capecchi da farne un suo “monologo pop”, e inizia con la performance di Marco De Meo | Elektromove Animation Theatre, performance per Voce, “Sintesi Materialistica della Cultura e del suo valore”, dice il suo autore e interprete. Daniele Vettorello i suoi ultimi 10 minuti se li gioca con un testo di Ubaldo Testori, FORMALIBERA | TonyD’Agruma, con un abstract di Voyeur ofmyself, in un cerchio di specchi, propone una performance di teatro fisico; l’ Ass. Culturale La Prima Pietra | Emmanuele Tremolada affronta il coutdown con  Scaramouche: la notte in cui giustiziarono il teatro”, con lui, in scena, Chiara Tremolada e Martina Tremolada. Un breve cambio di scena introduce acquasumARTE che tra danza, azioni fisiche e vocali, gioca un frammento dell’ Hamlet (scena III atto III) e una rielaborazione di un passaggio dell’ Elogio della follia di Erasmo da Rotterdam intrecciato a Re Lear; un canto dal vivo, rielaborato da una antica canzone popolare messicana, ed un requiem di Mozart. Stefania Carcupino, porta un pezzo di cabaret di cui volutamente non sveliamo trama e retroscena; La Fabbrica del Clown | Angela Pascalino, Stefania Carcupino, Eugenio Righini, Paolo Dei Giudici tentano di fermare il countdown con Burattini senza fili, un brano ispirato a un dialogo di Karl Valentin (Il fienile).

Giornata Mondiale del Teatro a Spazio Tadini Elisa Bottiglieri Milena
Elisa Bottiglieri in Milena

Un altro breve cambio di scena porta nella musica, tra le note di un viaggio rock, con Ombra e il Poeta, testo, musica, e canto. Elisa Bottiglieri, con il monologo “Milena” ci porta in una chiave comica, sul filo tra comico e drammatico. Compagnia dei Transiti | Soraya Perez, Edy Quaggio saranno viandanti – migranti, come sempre. Si rivolgono direttamente a coloro che con tanto livore si sono accaniti contro il nostro incedere; lo fanno col gioco e con la denuncia evidente. Muoiono ballando e suonando, dicendo ciò che hanno da dire. E chissà, è così che si rinasce di nuovo?

Soraya-Perez, Spazio Tadini, Spazio corpo e potere
Soraya Perez

Martino Corti | Cimice Records con il suo “ultimo monologo pop”, scritto per la particolarissima occasione, porterà occhi e sguardo su OpificioTrame | Federicapaola Capecchi, che per la prima volta – lavora sempre su gruppo, la sua compagnia di 6 elementi – è in un assolo … che, forse, si completerà in un duo … sicuramente in un corpo a corpo, per varcare una soglia, possibile. Perché a volte la vertigine non è paura del vuoto ma voglia di volare.

danza contemporanea, teatrodanza, Federicapaola Capecchi, prove su Emilio Tadini
OpificioTrame, Federicapaola Capecchi

Vi aspettiamo numerosi, per sostenere il teatro, la scena e gli artisti che si mettono in gioco mercoledì 27 marzo 2013.

L’ingresso è con € 2 di tessera Associazione Spazio Tadini … all’uscita troverete una scatola, che potrete rendere voi magica … con un contributo per la serata che verrà equamente diviso tra le compagnie e gli artisti che si esibiscono. Il contributo, il vostro “sostegno”, lo deciderete voi liberamente. Grazie A domani.

Francesco Tadini