FOREFRONT@SPAZIOTADINI

Musica: Forefront Trio venerdì 30 gennaio 2015

FOREFRONT@SPAZIOTADINIForefront nasce Trio nel 2012, con l’improvvisazione radicale alla base del proprio lavoro.

Antonio Raia_Tenor/Alto Sax, Jack D’Amico_Piano/Rhodes/Fx, Umberto Lepore_Double Bass/El Bass/Fx, Marco Castaldo_Drums

Nel 2013, con l’ingresso del sassofonista Antonio Raia, il percorso artistico inizia a guardare anche alla composizione scritta, utilizzata come scenografia dei mondi sonori che mutano di performance in performance.

Il primo lavoro su disco [Chaos Magnum, AUAND9046] è dedicato alla musica contemporanea, aleatoria e a quella concreta, spettrale ed elettroacustica, e quindi a musicisti del secolo scorso che hanno cambiato il corso della musica, come John Cage, Morton Feldman, Karlheinz Stockhausen, Arnold Schönberg, Iannis Xenakis, Luciano Berio.

Forefront si propone di esplorare i meandri più oscuri dell’estetica contemporanea senza però erigere essa stessa a canone o modello.

FOREFRONT@SPAZIOTADINI

La doppia accezione del vocabolo Forefront come “Avanguardia” e “prima linea”, racconta il tentativo di entrare nella contemporaneità dalla porta principale senza però cullarsi nella sua formalità, ma facendo della forma l’elemento da distruggere e ricostruire ad ogni battuta.

Forefront mette in scena la nausea dell’epoca post-scientista, dove l’unica via per dondolarsi nel mal di mare ontologico dell’uomo contemporaneo è lo smarrimento. Perdersi per ritrovarsi ogni volta diversi e talvolta deformati dietro gli angoli spigolosi dell’improvvisazione radicale, spesso senza riuscire a riconoscersi. L’identità diventa un volto sfigurato e deformato nello specchio sonoro che riflette la malattia. In questo specchio bisogna riflettersi per poi distruggersi.

FOREFRONT@SPAZIOTADINI

“Considerando che originariamente questa parola non aveva l’attuale connotazione di “disordine” che si ritrova nella parola d’uso comune “caos”, il termine greco antico “Chaos” viene reso come “Spazio beante”, “Spazio aperto”, “Voragine”, dove indica, nella sua etimologia, “fesso, fenditura, burrone”, quindi simbolicamente “abisso” dove sono “tenebrosità, oscurità”.

Il Chaos, secondo alcuni autori, risulta essere nella mitologia e nella cosmogonia degli antichi greci, la personificazione dello stato primordiale di “vuoto”, il buio anteriore alla generazione del cosmo da cui emersero gli dèi e gli uomini”

Fonte testo: http://www.forefrontmusic.net/

VENERDI’ 30 GENNAIO 2015 ore 21, ingresso pubblico ore 20:30 Informazioni e prenotazioni: +39 02 26 82 97 49

cropped-logo_st_jpg1.jpg

PROSSIMI APPUNTAMENTI – ANTICIPAZIONI:

dal 23 al 25 gennaio 2015 Elena Guerrini con Orti Insorti (Teatro)

domenica 1 febbraio 2015 ore 18 Alma Rosé C’era un’Orchestra ad Auschwitz (Teatro) 

14 e 15 Febbraio 2015, ore 21 Moro, la verità negata. Il nuovo spettacolo di Carlo Infanti (Teatro)

20 e 21 Febbraio 2015, ore 21 Compagnia Teatring – Creatura Mia (Teatro)

Un pensiero su “Musica: Forefront Trio venerdì 30 gennaio 2015”

I commenti sono chiusi.