IL GUSTO DELLE PAROLE, ENERGIA PER LA VITA – Il gruppo MnemoArt a Milano propone un modo diverso di pensare al “cibo” per Expo 2015

Dall’8 al 23 maggio 2015 Inaugurazione venerdì 8 maggio 2015- Spazio Tadini – Via Jommelli, 24 – Milano

Opere di: Jean-Pierre e Tamara Landau, Ilaria Borraccino, Bruno Contensou, Sharon Kivland, Louise Narbo, Tobia Ravà.

dalle 18.30 alle 22.00 –  Ore 20.00 performance video-poetico-musicale con Catherine Fava-Dauvergne, Tamara e Jean-Pierre Landau, Claude Yvans – clicca qui per leggere in anteprima il catalogo del movimento.

 

 “La mostra di MnemoArt, durante Expo 2015, dedicato al tema dell’alimentazione è una scelta precisa di Spazio Tadini di voler porre l’accento su un altro modo di pensare all’energia che alimenta la vita che non sia solo il cibo. A questo si aggiungono la parola e il gesto quali strumenti imprescindibili di relazione col mondo e con l’altro. L’arte ne risulta, invece, mezzo eccelso di conoscenza e comunicazione dell’esperienza umana.”  Melina Scalise (presidente di Spazio Tadini)

 APPROFONDIMENTI

Venerdì 15 maggio 2015

Ore 20.00 Presentazione del libro di Tamara Landau “Le funambole della dimenticanza”, Aracne editrice

Ore 21.00 performance video-musicale

con Sharon Kivland, Laura Pigozzi e Domenico Schiattone

Sabato 23 maggio 2015

dalle 18.30 alle 21.30 finissage mostra

Ore 19.30 performance video-poetica

con Christian Demare, Antonella Gentilini, Olivier Courtemanche e Bice Benvenuto.

Dopo la personale, di Jean-Pierre Landau “L’ascolto all’opera” a cura di Spazio Tadini e Fortunato D’ Amico, inaugurata il 27 aprile 2015, allo Spazio Tadini di via Jommelli, 24 a Milano, dall’8 al 23 maggio 2015, in collaborazione con l’Institut Francais, si terrà la collettiva “Il gusto delle parole: energia per la vita”, del gruppo d’arte e psicanalisi MnemoArt.

MnemoArt, fondato da Jean-Pierre insieme alla moglie Tamara Landau, a sua volta artista e psicoanalista, è la naturale evoluzione del suo percorso di ricerca: il dialogo costante tra il gesto e la mente di cui la parola è lo strumento più ricco e complesso.

MnemoArt – dice Tamara Landau – vuole far conoscere, al pubblico che arriverà a Milano per Expo 2015, un altro aspetto fondamentale dell’energia per la vita dell’ essere umano: la parola. L’uomo ha un bisogno primario di essere nutrito tanto di parole quanto di cibo per sopravvivere, sviluppare la sua creatività e vivere in armonia con l’ambiente. Il silenzio reattiva la crudeltà melanconica e la pulsione di distruzione.

Con questa mostra milanese, il gruppo MnemoArt si propone di evidenziare come il bimbo si struttura già prima della nascita tramite i colori e il gusto delle parole pronunciate dalla madre e dal cibo da lei ingerito. Sin dall’inizio, è la varietà dei colori e dei sapori delle sue parole che gli permette di pensare e, in seguito, di parlare e scrivere. Se si analizza quali siano le parole che vengono per prima a perdersi in una lingua che “muore”, sono proprio quelle che denotano i colori. I sapori dei cibi dell’infanzia restano invece indelebili nei ricordi di ognuno di noi anche in chi subisce gli effetti di una malattia degenerativa. La vita è musica, gusto e colore delle parole”.

Contributi: Pietro Andujar, Bice Benvenuto, Patrizia Crippa, Sophie Jabes, Irène Krassilchik, Laura Pigozzi, Maria Luisa Trevisan, Jemima Zeller.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.