Archivi categoria: Gong Om

La filosofia delle stelle a Spazio Tadini per il finissage della mostra Gong Om a cura di Fortunato D’Amico e con la partecipazione di Francesco Tadini


SABATO 2 NOVEMBRE ore 16 finissage della mostra Gong Om realizzata da Associazione Vaisnava Gaudiya Vedanta

Introduzione Francesco Tadini

LA FILOSOFIA DELLE STELLE

Conferenza con Fortunato D’Amico

Il viaggio dell’Uomo verso la conoscenza parte da molto lontano, dall’infinito siderale, luogo intravisto e inseguito da scienziati e filosofi per tentare di raggiungere l’Origine, annidata nella dimensione fluida del cosmo, da cui inizia la genesi di tutte le storie dell’Arte sino qui sperimentate.

Il passaggio delle Ere, dei cicli stagionali e giornalieri, le trasformazioni del Pianeta sono state interpretate osservando il movimento degli astri, divulgato prima tramite il racconto orale, che consentiva di saldare facilmente l’apprendimento al processo mnemonico e di trasmetterlo ai discendenti, poi annotandolo attraverso la scrittura e la realizzazione di monumenti e architetture, che hanno avuto il compito di tramandare ai posteri le cronache del cielo.  Continua a leggere La filosofia delle stelle a Spazio Tadini per il finissage della mostra Gong Om a cura di Fortunato D’Amico e con la partecipazione di Francesco Tadini

Franco Scepi dedica a Warhol la performance musicale di Paolo Ciarchi “Keep in time” alle 19.30 e a seguire intervista con Andrea Majid Valcarenghi a cura di Fortunato D’Amico per Gong Om- venerdì 25 ottobre 2013 a Spazio Tadini


Venerdì 25 ottobre alle ore 19.30, Paolo Ciarchi realizza una perfomance musicale “Keep in time” ispirata all’opera di Andy Warhol esposta a Spazio Tadini per la prima volta mondiale in occasione delle preview della mostra di Franco Scepi che si terrà presso Spazio Tadini il 3 febbraio dal titolo SCEPI OVER CROSS.

A seguire un appuntamento imperdibile per Gong Om: intervista a Andrea Majid Valcarenghi, fondatore di Re Nudo a cura di Fortunato D’Amico.

Arte, cultura e fotografia il 23 ottobre a Milano a Spazio Tadini Luca Pollini e i fotografi Cristiano Vassalli e Mario Castellani: evento Gong Om


Il 23 ottobre, a Spazio Tadini, dopo la presentazione dell’opera di Andy Warhol di Franco Scepi alle 18.30 la serata proseguirà il giornalista Luca Pollini che presenta il suo nuovo libro: MUSICA LEGGERA ANNI DI PIOMBO. “Assalto al cielo a colpi di note negll’Italia degli anni Settanta” e con due fotografi dei concerti e delle manifestazioni degli anni 70: Cristiano Vassalli e Mario Castellani che racconteranno le loro testimonianze di quei luoghi e di questi momenti di contestazione cercando di capire quanto è rimasto e quanto è cambiato da allora. Condurrà Fortunato D’Amico.

MUSICA LEGGERA ANNI DI PIOMBO. di Luca Pollini (trailer video)

Musica Leggera anni di Piombo di Luca Pollini casa editrice Noreplay
Musica Leggera anni di Piombo di Luca Pollini casa editrice Noreplay

Il volume racconta la canzone ‘politica’, che si forma a Milano tra la metà degli anni Sessanta e la fine degli Anni Settanta, le cui vibrazioni si ripercuoteranno su tutta l’Italia. Un decennio dove nascono formazioni politiche extraparlamentari, mentre il Paese vive la tensione degli Anni di piombo: una sigla che tutto ingoia, purtroppo anche quelle formidabili spinte culturali che troveranno, soprattutto nella musica, una stagione ricca di creatività. I giovani comprano i dischi a 33 giri, che diventano oggetti di culto: li conservano come fossero gioielli, studiano la copertina e li ascoltano. Così la formazione politica passa anche dai testi e dalla musica che, in quegli anni, è davvero poco ‘leggera’. Anzi: è diventata una cosa fin troppo seria. La musica non era “un lato” della realtà: ne faceva integralmente parte, ne era un organo vitale, un’arteria imprescindibile.Musica leggera Anni di piombo, anche attraverso episodi inediti, mette in luce il peso specifico della musica “leggera” in quel periodo, un susseguirsi di episodi anche drammatici e surreali che vanno dai “processi proletari” contro Battisti e De Gregori, ai festival del proletariato giovanile del Parco Lambro di Milano alle progressive prese di distanza di musicisti sempre più increduli della piega che le cose stavano prendendo.

I PROTAGONISTI DELLA SERATA

MARIO CASTELLANI
è nato a Vigevano (Italia) nel 1954. Si è diplomato al Liceo Artistico di Brera a Milano nel 1972 e laureato nel 1978 presso la Facoltà di Architettura di Milano con una tesi sull’autogestione in architettura presentata sotto forma di audiovisivo.I contenuti artistici si definiscono fin dalla metà degli anni settanta prendendo ispirazione dalle tematiche e dalle opere degli artisti surrealisti. Nella pratica del disegno la tecnica riflette un uso figurativo di tipo classico mentre nella tecnica pittorica riprende, con l’uso della tempera acrilica, il tratto e la forma fatta propria da alcuni artisti della pop art con grandi e piccoli spazi cromatici che non sfumano ma si accostano l’un l’altro, separati da una riga nera, che creano un’immagine apparentemente reale, o surreale, in cui il colore viene ad essere disegno e il disegno colore.  Dagli anni ottanta la creatività spazia oltre la dimensione e il mondo della pittura e del disegno, andando ad utilizzare nuove tecniche, prima con l’uso della fotografia, sia come elemento creativo che di documentazione della società, e quindi del collage, per poi esplorare la tridimensionalità attraverso l’assemblaggio di materiali di recupero (il collage tridimensionale) elaborando l’opera con l’inserimento di un impianto di illuminazione, dando così forma alle “sculture notturne”. All’attività artistica alterna quella di architetto nel campo della tutela del patrimonio culturale, di illustratore, grafico e fotografo per libri, riviste e guide turistiche. Specializzato nel disegno e nel rilievo architettonico svolge studi inerenti l’architettura storica con particolare attenzione alla ricostruzione visiva di edifici storici realizzando disegni e ricostruzioni con l’uso di tecniche di disegno tradizionale e di fotografia digitale, in Italia ha collaborato alla catalogazione dei beni architettonici con la Soprintendenza di Milano e in Canton Ticino all’inventario dei beni culturali. Dice di lui Fortuanto D’Amico: ” Mario Castellani ama le visioni, i punti di vista profondi, gli orizzonti aperti verso cui dirigere lo sguardo e intraprendere il cammino per scoprire che il confine tra cielo e terra si sposta ogni qualvolta credi di raggiungerlo e solo allora continui a viaggiare.” Giuseppe Franzoso: “Operatore estetico di ampia formazione culturale Mario Castellani dedica l’attenzione a particolari momenti interpretativi della realtà con acuto spirito ironicamente surreale. La sintassi operativa spazia dalla formazione “Pop” di ascendenza americana alla fantasia sognante dell’inconscio. Da queste premesse nascono lavori di forte oggettività paradossalmente accostati, con effetti di sbilanciamento interpretativo)
CRISTIANO VASSALLI
Tutto comincia nei primi anni ’70, negli studi fotografici milanesi di Andrea Zani, Jean Pierre Maurer e Klaus Zaugg.
Poi i viaggi, la ricerca e la definizione di uno stile: il lavoro comincia.
Da oltre 30 anni vive e ha lo studio a Vigevano.
Fotografo pubblicitario (still life, arredamento, architettura, editoria) non ha mai smesso la sua personale ricerca artistica che, anzi, sempre più ama coltivare.
LUCA POLLINI
 milanese amante del mare, è cresciuto e si è formato nel bel mezzo degli anni Settanta. Unisce l’attività di giornalista a quella di scrittore e autore. Ha pubblicato: Immacolata trasgressione (2004), biografia di Madonna; Il Dizionario della musica leggera italiana (2004); i saggi I Settanta, gli anni che cambiarono l’Italia (2005); Hippie: la rivoluzione mancata (2008); Gli Ottanta, l’Italia tra evasione e illusione (2010); Musica leggera. Anni di piombo (2013) e il libro-inchiesta Vaticano pedofilia (2010). Collabora con mensili e quotidiani, si occupa di storia contemporanea, cura un sito (www.retrovisore.net) dedicato alla storia del costume italiano. È musicalmente onnivoro e rimpiange il Parco Lambro (inteso come Festa)

L’Oriente incontra l’Occidente a Spazio Tadini con Gong Om: un calendario fitto di eventi e corsi


La rassegna Gong Om suonati e meditati ha preso inizio tra ricordi degli anni 70, appassionati della cultura Orientale, d’arte e musica. I presenti hanno anche assistito ad una performance Shaolin. Di seguito tutto il calendario degli eventi già concordati e altri, ancora in programmazione.

CALENDARIO DEGLI EVENTI E DEI CORSI

(Per l’occasione l’associazione Spazio Tadini offre agli organizzatori ospitalità e chiede solo un’iscrizione promozionale all’associazione di 1 euro valida un mese).

Continua a leggere L’Oriente incontra l’Occidente a Spazio Tadini con Gong Om: un calendario fitto di eventi e corsi

Il suono del respiro incontro Yoga con Silvia Capiluppi a Spazio Tadini durante Gong Om


 

“Il suono del Respiro”

18 Ottobre Venerdì

  • 15-17.00 Il suono del respiro (workshop di Yoga con Silvia Capiluppi contributo 10 euro  + 1 euro di tessera S.T)

23 Ottobre Mercoledì

  • 15-17.00 Il suono del respiro (workshop di Yoga con Silvia Capiluppi contributo 10 euro + 1 euro di tessera S.T.)

L’associazione ospita l’evento e, per l’occasione, chiederà solo la tessera associativa promozionale (1 euro)

 

“Perché avvenga una trasformazione

occorre trascendere la forma

e perché la forma possa essere trascesa

deve essere prima realizzata” 

(Rig Veda)

Nel punto di congiunzione tra la performance, il rituale e la danza yogica, il Respiro si unisce al suono per lo Stato di Meditazione.

Le vibrazioni delle campane tibetane e il canto della OM guidano all’ascolto del suono del proprio respiro.

Il respiro è veicolo della forza vitale cosmica, che porta a comprendere la sapienza rivelata all’interno dei Veda e a raggiungere lo stato d’Unione.

Nel corso del workshop i partecipanti potranno fare esperienza di un completo rilassamento fisico, mentale ed emozionale.

Durante la pratica si potrà apparire addormentati, ma la coscienza funziona a un livello di consapevolezza più profondo.

In questo stadio tra il sonno e la veglia, il contatto con la dimensione subconscia ed inconscia avviene spontaneamente.

Silvia Capiluppi

Insegnante di Yoga certificata presso Yoga Vidya Gurukul, Nashik – India.

Ha studiato in Milano alla scuola Yoga Sama di Elisabetta Rebuzzini.

Lungo il percorso di conoscenza yogica è stato per lei fondamentale l’incontro con Richard e Mary Freeman, luminosi Maestri del messaggio yogico, che le hanno trasmesso la pratica dell’Ashtanga Vinyasa Yoga.

Architetto e Naturopata si dedica allo studio della Cromoterapia e delle Antiche Tradizioni – Bagua, Ayurveda, Medicina Tradizionale Tibetana, Medicina Tradizionale Andina e Maya. Pratica Mantra Healing, Yoga Tibetano del sogno e del sonno.

Parallelamente approfondisce la ricerca artistica realizzando installazioni, performance e video arte.

Metodo Grinberg incontri e conferenza a Spazio Tadini durante la rassegna Gong Om:


Calendario degli incontri

Giovedì 24 dalle h 17.00 alle h 20.00 Sedute di presentazione di 20′

Mercoledì 30 dalle h 20.00 alle h 21.30 Conferenza teorico pratica 

Giovedì 31 dalle h 17.00 alle h 20.00 Sedute di presentazione di 20′

DEFINIZIONE METODO GRINBERG

Il Metodo Grinberg si propone di insegnare a recuperare energia ed attenzione verso sé stessi e la realtà circostante.

E’ un percorso strutturato di apprendimento attraverso il corpo che viene guidato con varie tipologie di tocco ed istruzioni verbali.

Il fine è permettere alle persone di raggiungere i propri sogni, progetti, bisogni ed obiettivi in accordo con la propria natura, diversa e specifica per ognuno di noi.

Il nucleo centrale del processo di apprendimento è riconoscere ed interrompere abitudini apprese che limitano l’individuo nell’espressione di sé, creando sintomi e malessere (tra i più comuni esempi: mal di testa, insonnia, mal di schiena, tensioni, mal di stomaco, gonfiore, ansia, insoddisfazione, frustrazione, sbalzi di umore, panico, difficoltà relazionali…)

Il Metodo Grinberg è stato ideato negli anni ’70 da Avi Grinberg, terapista israeliano che iniziò a studiare e praticare diverse tecniche di lavoro sul corpo prima di creare questa metodologia basata su di un approccio educativo e non più terapeutico. La differenza sostanziale sta nel fatto che le persone imparano ad essere responsabili del proprio sviluppo personale, della propria salute e del proprio benessere.

E’ autore di diversi libri tra cui “La Riflessologia Olistica” (1989), “Foot Analysis” (1993), “La paura, il dolore e altri amici” (1994).

Oggi vi sono centinaia di professionisti qualificati e certificati che applicano il metodo in tutta Europa, in Israele e negli Stati Uniti.

WWW.GRINBERGMETHOD.COM

YOU TUBE: AVI GRINBERG, INTERVISTA BERLINO 2012

Gli strumenti del Metodo Grinberg possono essere appresi in contesti individuali o di gruppo.

In questa occasione allo Spazio Tadini vogliamo offrire tre esperienze differenti e complementari:

1.Conferenza teorico/pratica (durata incontro 2 h):

Abbiamo scelto come tema della serata la capacità di Osare e avere Coraggio per essere Intensi nella Vita.

E’ un incontro che permette di toccare le persone attraverso le parole, e si inizia a sperimentare personalmente nel corpo come le nostre attitudini influenzano la nostra esistenza creandoci spesso limitazioni e sofferenza.

 

2.Sedute individuali di 20’ per imparare a rilassare spalle e collo:

Le persone vestite e comodamente sedute su una sedia potranno avere in modo semplice ed efficace un assaggio della metodologia. Tra gli effetti più evidenti si potrà riscoprire una maggiore vitalità, piacere anche nel resto del corpo, benessere, senso di leggerezza, silenzio nella testa, chiarezza di pensiero.

 

3.Stopping Movement Training (durata incontro 2 h) con Angela Mondia, Insegnante autorizzata:

Attività in gruppo, consigliato abbigliamento comodo per muoversi e sudare!

E’ sempre comunque un’esperienza individuale in cui l’attenzione viene focalizzata per trovare nuove forme e possibilità di movimento con tutto il corpo, a ritmo di musica. Un’opportunità per rompere le gabbie che creiamo intorno a noi senza accorgerci e che ci separano anche dalle relazioni più intime che abbiamo nella vita.

You Tube: Grinberg Method-Stopping Movement Training

 

Se siete interessati a partecipare a qualsiasi attività proposta è gradita la vostra prenotazione.

Per richiedere maggiori informazioni contattare:

Roberta Lucia Massei

Operatrice qualificata II livello

Mobile: 393 0936161

Email: roberta@pmgmilano.com

WWW.PMGMILANO.COM

L’associazione ospita l’evento e, per l’occasione, chiederà solo la tessera associativa promozionale (1 euro)

12 ottobre 2013 a Milano inaugura GONG OM: suonati e meditati- l’Oriente incontra l’Occidente tra arte e musica a Spazio Tadini Milano


Sabato 12 ottobre 2013 vernissage. Alle ore 18 prende inizio la rassegna Gong Om a Spazio Tadini. Fino al 2 novembre quasi ogni sera ci sarà un evento correlato all’esposizione con ospiti  che parleranno di musica, arte, musica, Yoga, cultura vedica, cucina vegetariana e altro ancora.

Locandina della msotra